TEST DRIVE

Skoda Kamiq 1.6 Tdi, la nostra prova su strada del suv compatto

Il più lungo dei suv compatti del gruppo Volkswagen offre grande spazio a bordo e dotazioni di sicurezza complete.

di Simonluca Pini

default onloading pic

Il più lungo dei suv compatti del gruppo Volkswagen offre grande spazio a bordo e dotazioni di sicurezza complete.


3' di lettura

Skoda Kamiq è la risposta a chi cerca un suv compatto ma senza rinunciare allo spazio a bordo. Rispettando la tradizione del marchio di Mlada Boleslav, la Kamiq è la più lunga delle cugine Seat Arona e Volkswagen T-Cross andando così a garantire uno spazio da famiglia nonostante la lunghezza sotto i 4.30 metri. Altro valore aggiunto è la concretezza della Kamiq, con una filosofia costruttiva basata su soluzioni in grado di migliorare la vita quotidiana. La casa lo chiama simply clever, che tradotto vuol dire intelligenza senza complicazioni.

Skoda Kamiq 2020, dimensioni
Ed è proprio questo il carattere di Kamiq. La vettura, basata sulla piattaforma Mqb del gruppo Volkswagen nella variante A0, è la gemella diversa di Volkswagen T-Cross e Seat Arona. In realtà nella matriosca suv del gruppo Vw si colloca in mezzo con sovrapposizioni tra due segmenti: il passo è infatti allungato rispetto alle consorelle (2.651 mm contro 5.551 della T-Cross e addirittura maggiore di quello della più grande Vw T-Roc).

La vettura con i suoi 4.24 metri è una decina di cm più lunga delle spagnole e della tedesca e addirittura coincide con quella di T-Roc che teoricamente appartiene a un segmento superiore. Una magia data dall'architettura modulare che però permette di identificarsi grazie allo stile particolarmente piacevole con le sue linee tese, lo sguardo cattivo con gruppo ottico Led anteriore diviso in due parti e il posteriore muscolosetto.


Skoda Kamiq 1.6 Tdi, prova su strada
Abbiamo provato la versione Dark Shade con il classico motore diesel 1.6 Tdi da 115 cavalli che assicura consumi irrisori (abbiamo fatto in città circa 17 km con un litro nel traffico di Milano pre lockdown). Dal punto di vista dinamico e di guida Kamiq è ineccepibile: sempre sicura, ma al contempo priva di emozioni forti con il cambio automatico Dsg che si conferma eccellente. L'unità sotto al cofano piace per la grande fluidità di marcia e prestazioni più che soddisfacenti.

La prima buona notizia arriva dalla posizione di guida, ampiamente regolabile, e da uno spazio che non fa rimpiangere modelli più grandi. Su strada il suv compatto del marchio di Mlada Boleslav passa l'esame del pavé nonostante i cerchi dalle dimensioni generose, mentre la presenza dello Sport Chassis Control abbassa la vettura di 10 mm e tramite il Driving Mode Select si può scegliere un profilo tra Normal, Sport, Eco e Individual.

Oltre alla buona regolazione dell'assetto, in curva (e su fondi a bassa aderenza) il differenziale elettronico a bloccaggio trasversale XDS+ di serie migliora la trazione sulle ruote anteriori. La sensazione generale è quella di viaggiare su una vettura di segmento superiore, merito dell'elevato livello di comfort generale ma soprattutto per una dotazione di bordo e di sicurezza decisamente completa. Buona anche la capacità di carico, con un volume da 400 litri ed espandibile fino a 1395, anche se manca la possibilità di montare il divano posteriore scorrevole.


Interni Skoda Kamiq
Gli interni esprimono una notevole qualità, per certi versi maniacale e tale da poter far indispettire i cugini di Audi. A centro plancia spicca il grande schermo da 9.2” pollici a sbalzo compreso nel sistema satellitare Amundsen da cui gestire il sistema di intrattenimento Mib3 visualizzabile anche attraverso il Virtual Cockpit. Oltre alla presenza della eSIM integrata, ci sono anche i comandi vocali con l'assistente Ciao Laura, ma è meglio usare Google Assistant o Siri con Android Auto o Apple Car Play presenti a bordo insiemi a MirrorLink. Dal sistema si comanda tutta la vettura, anche la velocità delle ventole della climatizzazione e questo è un po' antipatico. Di categoria superiore il Virtual Cockpit da 10,25, optional insieme alla doppia presa Usb-C (60 euro, poteva essere di serie).

Guida Autonoma
Passando alla dotazione di sistemi di assistenza alla guida la dotazione di serie a partire dall'allestimento Ambition include Lane Assistant, Front Assistant con funzione di frenata di emergenza City e funzione predittiva di protezione pedoni e Adaptive Cruise Control fino a 210 km/h. La vettura equipaggiata di tutto punto, compresi i sistemi Adas sfiora i 31mila euro, cifra non bassa ma molto competitiva in relazione ai contenuti.

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti