RIVOLUZIONE BOEMA

Škoda pronta a sbarcare anche nel settore dei pick-up

di Corrado Canali


default onloading pic

2' di lettura

Entro la fine di giugno Škoda ha annunciato di voler presentare il concept di un futuro pick-up targato con le specificità del brand boemo e, in particolare realizzato su base Kodiaq che si dovrebbe chiamare Mountiaq. Quello delle vetture con il cassone è uno dei settori dell'automotive a più elevata redditività in particolare se di taglia medio-piccola e dunque più gestibili per l'impiego anche in aree metropolitane.

Un potenziale almeno a livello europeo ancora del tutto inespresso e nel caso italiano frenato da un normativa che ne limita l'impiego. In ogni caso sono molti costruttori che ancora non sono presenti con un loro modello, mentre in atri casi stanno lavorando a proposte in tal senso. Anche nell'annunciata fusione Fca-Renault il settore delle vetture con cassone rientra fra quelli più strategici sia pure in prospettiva, mentre negli Usa è da sempre il più gettonato dalla clientela a stelle e strisce. Presenti in forze con dei loro modelli Case giapponesi come Toyota e Nissan, mentre anche Suzuki sta pensando ad una versione con il cassone per il nuovo Jimny.

Tornando a Škoda il progetto era partito a settembre dell'anno scorso e in questi giorni il team che si occupa dell'assemblaggio finale della vettura è in dirittura d'arrivo. Il modello che deriverà dalla concept sarà un pick-up a due porte con una forte propensione all'impiego in fuoristrada. Tanto che il concept prevede un pianale rinforzato ed è stato sottoposto a numerose regolazioni per poterne garantire l'impiego anche sui terreni più insidiosi. I pannelli posteriori e i finestrini laterali della cabina sono stati realizzati completamente ex novo, mentre le porte anteriori sono state soltanto modificate.
Una delle maggiori sfide, secondo Škoda, è stata di offrire di un portellone posteriore di supporto al vano cassonato il più funzionale possibile. Accreditato di una lunghezza di quasi 5 metri e con un passo più corto, il Mountiaq avrà circa 10 cm di spazio in più a disposizione rispetto alla versione Scout del Kodiaq da cui deriva.

Un verricello anteriore e una barra del tetto, oltre ad una striscia luminosa montata sempre sul tetto e ancora la colorazione Orange Sunset e la griglia illuminata nella parte anteriore sono alcune delle principali caratteristiche distintive del concept da cui deriverà il pick-up. Infine per ora sotto al cofano della concept c'è il motore a benzina di 2.000 cc TSI accreditato della potenza di 190 cv.

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti