Il decreto Pnrr 2

Slitta al 15 luglio la crisi d’impresa Pa, concorsi unici per tutti

Selezioni sul portale InPa da luglio (e da novembre per gli enti territoriali) Almeno uno scritto, un orale e prova di lingua. Sotto esame le «capacità comportamentali» dei candidati

di Giovanni Negri, Gianni Trovati

Osservatorio Pnrr: a che punto sono i 45 obiettivi da centrare per fine giugno

3' di lettura

Dal 1° luglio le assunzioni nelle pubbliche amministrazioni passeranno dai concorsi gestiti sul portale InPa, il «linkedin italiano» avviato lo scorso anno dal ministro per la Pubblica amministrazione Renato Brunetta che ora diventa la via maestra per entrare negli organici pubblici: da luglio partiranno le Pa centrali, e da novembre le porte si apriranno a Regioni ed enti locali con modalità che saranno definite in accordo con la Conferenza Unificata.

Selezioni sul portale InPa da luglio

Su quella via telematica correranno i concorsi riformati a regime, che dopo il primo modulo per i dirigenti inserito nel decreto sul «reclutamento» (Dl 80/2021) ora cambiano pelle anche per il personale non dirigente. Le selezioni si baseranno su almeno una prova scritta e un orale «comprendente l’accertamento della conoscenza di almeno una lingua straniera»; e punteranno a valutare «l’insieme delle conoscenze e delle capacità tecniche e/o comportamentali e/o manageriali» in un’ottica che prova ancora una volta ad archiviare la vecchia impostazione teorico-formalistica delle selezioni nel nome dell’«assessment». Tutte le novità troveranno poi un assetto finale nella riforma del vecchio Dpr concorsi (il 487/1994), che il governo dovrà adottare entro fine anno. Dal portale passeranno anche le procedure di mobilità orizzontale, che avranno una corsia preferenziale su comandi e distacchi limitati al 5% dei posti non coperti con la mobilità.

Loading...

Insieme all’anti-evasione e all’ennesimo rinvio al 15 luglio per il debutto del Codice della crisi d’impresa, il nuovo intervento sulle selezioni della Pa è il cuore del decreto Pnrr-2 approvato mercoledì 13 aprile dal Cdm. Dal decreto arriva una «nuova spinta per la riforma del pubblico impiego che sta percorrendo l’ultimo miglio a passo spedito», sostiene Brunetta.

L’obiettivo del provvedimento è di replicare il successo 2021 ufficializzato dalla Ue con le 45 scadenze in programma entro la fine di giugno. Anche qui in gioco ci sono 21 miliardi. Ma per farcela è indispensabile accelerare ancora sul «rafforzamento amministrativo», che nei mesi scorsi ha mostrato qualche inciampo nella selezione dei 500 tecnici per i ministeri e dei 2.800 esperti per gli enti del Sud ed è stato al centro degli esami dell’ultima visita romana degli ispettori comunitari sull’attuazione del Pnrr.

Il rafforzamento amministrativo

Anche per questo il nuovo decreto agisce a tutto campo. I nuovi concorsi, a cui i candidati potranno accedere iscrivendosi al portale InPa e compilando lì il curriculum, potranno essere preceduti da una preselezione in cui si valuteranno anche «attitudini e capacità comportamentali richieste dal bando», e saranno guidati da commissioni formate con gli iscritti agli elenchi di esperti stilati dalle Pa destinatarie dei concorsi. Anche commissioni e Oiv saranno gestiti dal portale. Ma il decreto Pnrr-2 non si ferma qui. E applica le selezioni rapide alle assunzioni a tempo determinato per il Pnrr in tutti i «soggetti attuatori» e spinge anche sulle consulenze, fino a ipotizzare ancora una volta nella versione d’entrata la deroga all’obbligo di gratuità degli incarichi ai pensionati. A incarichi negli enti del Mezzogiorno andranno anche i 48 milioni residui del fondo stanziato per i «mille esperti». Sempre in fatto di assunzioni locali, i Comuni fino a 5mila abitanti avranno tempo fino al 30 luglio per comunicare le esigenze da finanziare con il fondo su misura per loro.

La corsa non deve però far dimenticare il senso profondo del mutamento di pelle richiesto alla Pa, chiamata ad attrezzarsi delle competenze necessarie al Pnrr e soprattutto alla digitalizzazione e all’innovazione dei servizi che il Piano dovrà lasciare in eredità. Per questo la Funzione pubblica, d’intesa con il Mef, emanerà le linee d’indirizzo che le amministrazioni dovranno seguire nella programmazione dei fabbisogni di personale. Nel fitto dedalo di scadenze che quest’anno è investito dal Piano di attività e organizzazione (Piao) c’è una nuova data da segnare: è il 30 giugno, termine entro cui arriveranno le Linee guida.

Slitta al 15 luglio la crisi d’impresa

Tra le date che continuano a muoversi, si diceva, c’è anche quella del debutto del Codice della crisi, già oggetto di plurimi rinvii. La bozza di decreto fa infatti slittare di due mesi l’entrata in vigore, dal 15 maggio al 15 luglio. In questo modo verranno verosimilmente ad allinearsi sia le misure del Codice sia quelle necessarie all’adeguamento all’ultima direttiva sull’insolvenza. Le norme sono oggetto di un decreto legislativo ora in discussione in Parlamento.

Osservatorio PNRR

Notizie e analisi

Il monitoraggio del Sole 24 Ore sullo stato di avanzamento del Piano nazionale di ripresa e resilienza attraverso notizie, analisi, documenti e video, un puntuale lavoro di monitoraggio dello stato di avanzamento. Vai all'Osservatorio

Numeri e infografiche

Una serie di infografiche navigabili per conoscere nel dettaglio tutte le facce del PNRR: le missioni, i costi, gli obbiettivi da centrare semestre per semestre. Vai alla sezione numeri e infografiche

Riproduzione riservata ©

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti