Il debutto

Smart #1, così la city car diventa un suv elettrico su misura per la città

Il modello frutto della joint venture tra Mercedes e la cinese Geely offre innovativi sistemi digitali di bordo e un’autonomia di oltre 400 km

di Corrado Canali

3' di lettura

C’era una volta la Smart, due soli posti, dimensioni ai minimi termini, la citycar ideale insomma. Ma le esigenze cambiano, i suv imperversano anche in città e l’era digitale impone scelte adeguate. Ecco allora la nuova smart. Si chiama #1 ed è il primo modello risultato della joint venture paritetica fra Mercedes che si è occupata della progettazione e del design della vettura e i cinesi di Jeely che, invece, hanno curato lo sviluppo del powertrain elettrico e della piattaforma.

Da subito la joint venture aveva fissato come primo obiettivo quello di rivoluzionare la gamma di modelli disponibili. Lo step iniziale è stato svelato in questi giorni con la versione definitiva del suv Smart #1 anticipato come concept al Salone di Monaco 2021. Il simbolo # utilizzato per indicare gli hot topic esprime la mission del brand che va ad inserire nell’era digitale.

Loading...

Una scelta appropriata, perché fin dal debutto nel 1997, Smart ha puntato subito sull’innovazione e si è affermata come trendsetter nel settore automotive. La Smart #1 che sarà in vendita entro fine 2022 nasce sulla base di un nuovo design, di inedite tecnologie e di un approccio che la prefigura come un modello di tipo metropolitano che poi sono i valori di sempre del brand. Progettata da Mercedes, ma prodotta in Cina la Smart #1 ha una griglia anteriore attiva per migliorare ulteriormente il, flusso d’aria e di conseguenza aumentare l’autonomia.

Sempre in tema di design esterno il suv di Smart si segnala per dei dettagli insoliti come le maniglie a scomparsa, le portiere senza telaio e il tetto panorama in vetro. Il rapporto tra superficie e dimensioni è ottimizzato al massimo: la nuova Smart #1 è, infatti, lunga 4.270 mm, larga 1.636 e alta 1.822 mm con un passo di 2.750 mm e una dotazione di cerchi in lega di dimensioni importanti e fino a 19 pollici. All’interno il suv offre un’infotainment personalizzabile touch screen 3D con schermo da 12,8 pollici che utilizza una tecnologia basata sull’intelligenza artificiale e attivabile con comandi vocali. A cui si aggiunge il tachimetro digitale full HD da 10 pollici. La casa dichiara un Cx di 0,29, un notevole risultato se confrontato coi concorrenti e un dato importante poiché è il fattore che più influenza in una vettura a motore elettrico non solo il consumo di energia, ma anche l’autonomia, oltre a limitare i noiosi frusci aerodinamiche e migliorare la stabilità alle alte velocità.

La piattaforma di base della nuova vettura è inedita, con una caratteristica principale di un passo molto lungo per la tipologia di uso, quello urbano a cui si rivolge, ma anche per ospitare al meglio il pacco di batterie. Il passo è di 2.750 mm,leggermente più ristretto rispetto alla Mercedes EQA che si traduce in uno spazio maggiore per le gambe dei passeggeri dietro.Le specifiche tecniche della nuova smart #1 sono di una trazione posteriore e del gruppo motopropulsore elettrico da 200 kW abbinato ad una batteria di 66 kWh e un tempo di ricarica con sistema da 800 V con corrente alternata dal 10-80% a 22 kW in soli 3,5 ore.

Con la ricarica super veloce sono necessari meno di 30 minuti. La velocità massima è di 180 km/h e l’autonomia è di 420 o 440 km a secondo dal taglio della batteria. Smart #1, infine, è in grado di garantire livelli di sicurezza ottimali per i passeggeri grazie a sistemi di assistenza alla guida come il cruiser control adattivo con funzione Stop & Go e il mantenimento della corsia. .

Riproduzione riservata ©

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti