LETTERA AL RISPARMIATORE

Snam, la sfida è ottimizzare il debito e più efficienza. Focus sulla Grecia

di Vittorio Carlini


default onloading pic

6' di lettura

Gli investimenti diretti sull’innovazione tecnologica della rete dei gasdotti. Poi: i Capex per lo sviluppo delle infrastrutture del gas in Italia . Ancora: la riduzione dei costi. Infine: il proseguire nell’ottimizzazione del debito. Sono alcune delle priorità, peraltro indicate nello stesso piano d’impresa 2017-2021, del gruppo Snam. Focus differenti che tuttavia, tra le varie finalità, possono considerarsi collegati da un minimo comune denominatore: la ricerca di maggiore efficienza e flessibilità. Una più alta efficacia dell’operatività (e non solo) anche, e soprattutto, a sostegno dell’attività del gruppo.

SEMESTRI DEL GRUPPO A CONFRONTO

Dati in milioni di euro

Il business, a ben vedere, nel primo semestre dell’anno è stato caratterizzato da ricavi e redditività in rialzo. Il fatturato, che analogamente ai margini deve confrontarsi con i dati pro-forma adjusted del primo quarter del 2016 in quanto nel novembre scorso c’è stata la separazione da Snam del business della distribuzione, si è assestato a 1,268 miliardi. Vale a dire un numero in incremento del 2% rispetto a quanto realizzato un anno prima. Lo stesso Ebit è salito a 714 milioni (+3,6%). Infine l’utile netto: la voce contabile è arrivata, anche grazie ai minori oneri finanziari, a 504 milioni. Al di là, però, dei singoli numeri l’interesse dell’investitore è rivolto alle strategie aziendali. Un focus, per l’appunto, è sull’ulteriore sviluppo della propria infrastruttura. Com è noto, tra il 2017 e il 2021, sono previsti 5 miliardi d’investimenti cumulati. Di questi 4,7 miliardi sono destinati al network in Italia. In particolare, nel 2017, l’impegno è intorno al miliardo di cui: 900 milioni nel trasporto del gas (una minor parte è sul progetto della rete per il rifornimento di auto a metano); poi ci sono i Capex nello stoccaggio e la rigassificazione.

DINAMICA DELL'EBIT DEL GRUPPO

Dati in milioni

Ebbene: tra gli interventi rilevanti deve ricordarsi quello per realizzare la bi-direzionalità («reverse flow») dei flussi di gas delle interconnessioni internazionali con l’Europa di Tarvisio e Passo Gries. Il progetto comporta l’esborso complessivo di circa 2 miliardi. Una parte dei denari sono già stati spesi mentre un’ulteriore tranche è prevista nel 2017. I Capex residui, poi, saranno contabilizzati nel 2018. Il«reverse flow», a ben vedere, è già in minima parte funzionante. Nella seconda metà del prossimo anno si arriverà alla capacità massima di export. Vale a dire: 46 milioni di mt cubi di gas al giorno. L’operazione, evidentemente, è tra le altre cose finalizzata (in linea con la Strategia Energetica Nazionale) a supportare il ruolo di Snam (e dell’Italia) quale hub europeo del gas. Una condizione che, da un lato, implica per l’appunto maggiori efficienze sulla rete italiana. E, dall’altro, richiede anche un’altra condizione: la molteplicità delle fonti di approvvigionamento. Si tratta di una diversificazione che, a ben vedere, passa attraverso varie strategie: dal focus sul gas liquido fino ai collegamenti con più pipeline internazionali.

Proprio su quest’ultimo fronte è rilevante la prevista interconnessione tra il Tap (gasdotto Trans Adriatico) e la rete di Snam (essa stessa azionista con il 20% del gasdotto). Orbene:rispetto all’approdo della pipeline, è noto, ci sono state nella parte che coinvolge il territorio pugliese proteste da parte delle comunità locali. Al di là dell’evento specifico in sè che, per quanto Snam abbia un contratto di project management con Tap, non coinvolge direttamente il gruppo è indubbio che il Nimby («Not in my back yard») negli anni è cresciuto. L’opposizione, da parte delle comunità locali, alla realizzazione in generale d’infrastrutture è un fenomeno diffuso. Tanto che può esprimersi il timore possa impattare sullo sviluppo del business aziendale. La società fa professione di ottimismo. Snam ricorda di avere circa 800 cantieri in Italia. Rispetto ad essi, è l’indicazione, non ci sono sostanzialmente problemi: l’ operatività prosegue senza intoppi. Una situazione, sottolinea Snam, che dimostra la sua capacità di dialogo e collaborazione con il territorio. Peraltro, aggiunge Snam, con riferimento ai 55 km d’interconnessione tra il Tap e il suo network è atteso a breve il Decreto di Via del Ministero dell’Ambiente. Quindi, è la conclusione, c’è fiducia sul proseguire nel progetto nei tempi previsti.

ANALISI DEI FLUSSI DI CASSA

Dati in milioni

Fin qui alcune considerazioni riguardo lo sviluppo e l’ampliamento della rete di Snam. Altro focus dell’azienda, però, è sulla riduzione dei costi. Nel business-plan 2017-2021 la società ha indicato l’obiettivo di oltre 10 milioni di minori oneri nel 2017 e più di 25 milioni verso fine arco di piano. Orbene, quella del taglio dei costi è una voce rispetto alla quale può sottolinearsi un tema tipico di qualsiasi piano industriale: il rischio d’esecuzione. Cioè può sorgere il dubbio sulla concretizzazione dei target fissati. Il timore, allo stato attuale, pare infondato. In primis, deve ricordarsi, nella prima metà dell’esercizio in corso il piano di efficienza sui costi ha comportato risparmi per 5,5 milioni. Un numero che consente a Snam di affermare di essere in linea, se non leggermente avanti, rispetto ai target indicati. Inoltre, sottolinea la stessa società, le iniziative su questo fronte sono articolate in un’ottantina di progetti (di cui circa l’85% avviati). Si tratta cioè di un metodo granulare che, indica sempre l’azienda, da una parte permette la diversificazione, e quindi riduzione, del rischio d’esecuzione. E, dall’altra, ha implicato un approccio «bottom-up» che, partendo dall’analisi delle singole situazioni, consente una più efficace gestione dei progetti stessi. In conclusione Snam non vede particolari problematiche sul tema in oggetto.

SCADENZE DEI BOND DEL GRUPPO

Dati in miliardi di euro

SCADENZE DEI BOND DEL GRUPPO

Dalla gestione dei costi all’indebitamento del gruppo. Quest’ultimo è un tema sempre al centro dell’interesse degli operatori. Alla fine del giugno scorso il «net debt» si è assestato a 11,176 miliardi rispetto ai 11,056 miliardi del 31 dicembre 2016. Al di là della specifica dinamica in generale va sottolineato che, a fronte degli ingenti Capex, nei primi due anni del piano d’impresa Snam prevede il rialzo del debito netto. Poi, la voce contabile è stimata in riduzione. Ciò detto a fine 2017 il rosso della Posizione finanziaria netta dovrebbe assestarsi, senza contabilizzare l’acquisizione di Infrastrutture Trasporto Gas e del 7,3% di Adriatic Lng, a circa 11,4 miliardi. Considerando, invece, l’operazione straordinaria (il cui closing definitivo è atteso in ottobre) il debito netto è previsto a 11,6 miliardi. Un valore, quest’ultimo, superiore alla precedente guidance (11,5 miliardi); ma con l’incremento, anche grazie alla riduzione del circolante del primo semestre, che è inferiore all’investimento per l’M&A. Ciò detto nel piano d’ottimizzazione del debito c’è anche la riduzione del suo costo medio. L’obiettivo indicato per il 2017 è di 2,2%. La percentuale è stata raggiunta il 30 giugno scorso. Con il che la società, confermando comunque il target, indica che c’è spazio per un eventuale miglioramento. La scadenza media del debito stesso, invece, non dovrebbe cambiare. Il dato intorno a 5,5 anni, conseguenza degli interventi negli esercizi precedenti, è considerato soddisfacente. Un valore che, a fronte della durata del periodo regolatorio da cui dipende la remunerazione del costo del capitale, consente la giusta flessibilità finanziaria.

Già, la flessibilità finanziaria. Di questa Snam, ovviamente, ne approfitta anche per l’ultima mossa sul fronte dell’ M&A estero. Il gruppo, si sa, ha presentato (in consorzio con Fluxys, Gasunie e Enagas) la manifestazione d’interesse nella gara per il 66% della greca Desfa. Un’offerta che, tra le altre cose, punta ad acquisire un asset strategico nel sempre più importante “corridoio” del sud-est del gas. Ciò considerato il risparmiatore, tuttavia, esprime un dubbio: lo shopping estero può diluire la marginalità e la tradizionale solidità del business.

Snam rigetta il timore. In primis, viene ricordato, ogni operazione straordinaria deve soddisfare due requisiti: il primo è il mantenimento del rating; il secondo è che il ritorno sull’acquisizione all’estero, calcolato in merito al rischio specifico dell’asset, deve essere almeno in linea con quello del business domestico. Non solo. Il track record sull’M&A, afferma sempre Snam, mostra che le operazioni da lei realizzate sono state accrescitive. Quindi, è la conclusione, sul questo tema non c’è alcuna particolare preoccupazione. A fronte di un simile contesto la società conferma le indicazioni, date nella conference call sull primo semestre, riguardo ai target del 2017. Il debito netto è stimato a 11,6 miliardi con l’acquisto degli asset da Edison (11,4 miliardi senza). Riguardo invece all’utile netto c’è la confidenza di potere andare oltre i previsti 900 milioni.

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti
Loading...