scelti per voi

Sneaker, borse, gioielli: i doni che diventano gesti di solidarietà

Creazioni da donare firmate da grandi e piccoli marchi per sostenere progetti dedicati ai più fragili, unite dallo stessa filosofia: aiutare a far andare le cose, se non bene, almeno un po’ meglio

di Chiara Beghelli

default onloading pic
Borsa di Borseggi

5' di lettura

Il Natale di questo 2020 non sarà come lo avevamo immaginato appena un anno fa. Ma fra quello che l’epidemia non ci ha sottratto resta il piacere di fare un regalo, forse in modo più consapevole e meditato rispetto allo scorso anno. Il desiderio di condividere si fa più intenso, come dimostrano anche le numerose iniziative benefiche provenienti dal mondo della moda, forse mai tante come oggi: si va dal sostegno del gruppo Giorgio Armani all’Opera San Francesco per i Poveri di Milano e Save the Children ai panettoni d’autore firmati da Genny per i pazienti dei reparti Covid degli ospedali Sacco di Milano, Spallanzani di Roma e Borgo Trento di Verona, dalla scelta di Eurojersey di donare ai propri collaboratori dei dolci natalizi per sostenere Medici Senza Frontiere, la donazione di centinaia di maglie HeatTech, dunque antifreddo, da parte di Uniqlo alla Fondazione Arca.

E molte sono anche le creazioni nate appositamente con un’anima solidale, pensate come doni ma anche come modi per sostenere progetti e associazioni che si prendono cura delle condizioni umane più fragili. Abbiamo scelto 15 di esse, proposte sia di grandi marchi sia di realtà di nicchia, ma unite tutte dallo stesso obiettivo: dare una mano, per fare in modo che se non dovesse andare tutto bene, andrà almeno un po’ meglio.

Loading...

Stella McCartney

La T-shirt in edizione limitata di 30 pezzi, ognuna numerata, è realizzata insieme all’artista George Condo, che reinterpreta una delle lettere del manifesto “A to Z” della designer, che ha scelto come partner il gruppo Lvmh nel 2019. Si tratta della G, “G is for Grateful”, un inno alla gratitudine e un modo per sostenere una delle organizzazioni amate dall’artista, Conservation International, impegnata nella difesa del suolo e delle acque del pianeta.

Louis Vuitton

Da quando è stata lanciata, nella collezione menswear firmata Virgil Abloh per la primavera-estate 2019, la LV Trainer è stata un successo. Oggi torna in versione solidale con l’edizione (RED), impegnata nella lotta contro l’Aids: presenta un Monogram in rilievo su pelle bianca con bordini rossi brillanti e dettagli che richiamano i messaggi della lotta di (RED). Per ogni paio venduto, 200 dollari saranno devoluti al Fondo globale per combattere l'Aids sostenuto da (RED).

Malo

Sono in vetro soffiato bianco, con decori nell'azzurro simbolo della maison fiorentina, le palline di Natale firmate Malo, realizzate per sostenere Anlaids: si possono acquistare nelle boutique Malo, sul sito www.malo.it e sul sito della Onlus www.anlaidsonlus.it.

Ch Carolina Herrera

Nell’ambito del progetto Ch Carolina Herrera Heart for Hope, che sostiene la Croce Rossa internazionale, il marchio statunitense propone la borsa Charro Insignia Hobo: il 10% del ricavato delle vendite fino al 31 dicembre andrà all’organizzazione.

Dexter

Il marchio di gioielli milanese, noto per il motivo dell’ingranaggio a otto denti che simboleggia il movimento e la positività, ha rinnovato il suo sostegno alla Lav per difendere il benessere e i diritti degli animali, con le due collezioni “Dexter Love Me”, Zampa e Orso: il 25% del ricavato della vendita di ogni pezzo sarà devoluto alla Lav, che ha peraltro riconosciuto a Dexter la certificazione animal free.

Cruciani C

Oltre a essere divertenti, nelle loro tante varianti di motivo e colore, i braccialetti Cruciani C hanno anche un’anima charity. L’azienda umbra, infatti, offre anche una selezione di 11 braccialetti solidali, realizzati per sostenere diverse organizzazioni, dal WWF al Telethon, dalla Lega del Filo d’oro all’Ail, l'associazione Italiana contro le leucemie, i linfomi e il mieloma.

Trussardi - SeeMe

Si rinnova la collaborazione fra i due marchi, attraverso la capsule collection di gioielli speciali per celebrare e supportare i diritti delle donne. Una collana, un braccialetto con charms, un anello chevalier e degli orecchini riportano i simboli di Trussardi, come il levriero e il numero 1911, l’anno della fondazione del marchio, e sono stati realizzati da donne che hanno subito violenza nell’ambito del progetto di Caterina Occhio, fondatrice di SeeMe, che organizza corsi di oreficeria dedicati a loro.

Kidult

«Se vuoi essere felice, comincia»: la frase di Lev Tolstoj è incisa sul ciondolo a cuore che impreziosisce lo speciale bangle in acciaio di Kidult, creato per sostenere Action Aid: il 20% delle vendite del bracciale sarà devoluto ai progetti di Action Aid per la tutela del diritti delle donne e contro la violenza di genere.

Borseggi

Il nome, ironico e originale, della sartoria interna al carcere maschile di Opera a Milano, progetto della Cooperativa Sociale Opera in Fiore che promuove il lavoro per persone svantaggiate, firma anche le ormai indispensabili mascherine, borse, grembiuli, copribottiglie, borse porta vino, coloratissime ed eleganti. Sono fatte a mano con tessuti recuperati e ognuna è un pezzo unico.

North Sails

Fino al 31 dicembre, con un valore minimo di 150 euro spesi in negozi o sul sito di North Sails, sarà rilasciato un certificato di adozione “North Sails X Coral Gardeners” che testimonia l'aiuto di chi ha aderito all'iniziativa all’associazione che salvaguardia la barriera corallina. Coral Gardeners è composta da un team di scienziati, biologi e appassionati del mare, basata a Moorea, nella Polinesia francese, impegnati a ripopolare la barriera corallina tramite un progetto di restauro, ovvero la costruzione di una vera e propria Coral Nursery, vivaio subacqueo da cui vengono poi ricavati i frammenti che, ripiantati, permetteranno alla barriera corallina di ricrescere.

Pinko

C’è tempo fino alla vigilia di Natale per acquistare una creazione Pinko, sia online sia nei negozi, e donare così un pasto che sarà servito il 24 e 25 dicembre a persone in condizioni di fragilità. Per scelta della famiglia proprietaria del marchio, composta da Pietro Negra, la moglie Cristina Rubini e le figlie Cecilia e Caterina, il nome della charity con cui è stata organizzata questa iniziativa e il numero dei pasti distribuiti saranno comunicati dopo le festività natalizie.

gOOOders x Clan Upstairs

Fino al 10 gennaio nello spazio Clan Upstairs Base (via Pontaccio 19, Milano) sarà disponibile la sciarpa gOOOders x Clan Upstairs lavorata a mano dai volontari di Gomitolorosa onlus, che promuove il lavoro a maglia negli ospedali come strumento per ridurre l'ansia in pazienti, per favorire il benessere dei pazienti nonché la solidarietà verso soggetti più deboli, facendo leva sul recupero delle lane autoctone e sulla salvaguardia dell'ambiente.

Reinhard Plank

Il designer austriaco, toscano d’adozione, celebre per i suoi cappelli dalle linee minimal e dai materiali eccellenti, ha creato uno speciale cappello in lana e con tasca rossa porta preservativo per sostenere i progetti di Anlaids, la prima associazione italiana nata per fermare la diffusione del virus Hiv e dell’Aids: a essa sarà devoluto il 30% del ricavato delle vendite di questo cappello, 100% made in Florence.

La Milanesa

Il marchio creato da Cinzia Macchi, e che propone creazioni realizzate a partire da tessuti di recupero, spesso molto preziosi, è da sempre impegnato nel sociale con ogni sua collezione: la novità di dicembre è “Babouche”, un charm a forma di scarpine da bebè declinato in diverse nuance che simbolo di rinascita e di speranza. Il ricavato della vendita sarà interamente devoluto per promuovere e sostenere l'impegno degli ospedali del gruppo San Donato che lottano in prima linea contro il Covid19.

Silvia Gagliardini per Spazio Aperto

Un bracciale e dei gemelli in argento e smalto, fatti a mano, sono le creazioni firmate dalla designer Silvia Gagliardini in esclusiva per la cooperativa milanese Spazio Aperto Servizi: il ricavato delle loro vendite è devoluto interamente alle comunità Tuttiperuno e Girotondo, comunità educative che ospitano bambini e bambine vittime di maltrattamenti e gestite da Spazio Aperto Servizi.

Riproduzione riservata ©

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti