Reinventing Cities

Social housing, verde e ciclabili: Crescenzago porta di accesso al Parco Lambro

Green Between Tessiture Urbane, con capofila Redo sgr, ha vinto il bando Reinventing Cities per l’area di Crescenzago

di Paola Pierotti

4' di lettura

Tasselli di rigenerazione urbana, fuori dal cuore della città consolidata. Inizia da Crescenzago, il viaggio del Comune di Milano per raccontare i progetti i vincitori dell'operazione Reinventing Cities, promossa dal Comune insieme a C40. Prossime tappe a Loreto, Bovisa e allo scalo di Lambrate. Si parte da un’area che solo poche settimane fa è stata sotto i riflettori per la presentazione del progetto direzionale, Welcome, nell’area ex Rcs, promosso da Europa Risorse e firmato da Kengo Kuma.

Un’area caratterizzata da una forte infrastrutturazione con il trasporto pubblico (il quartiere è servito dalla metropolitana 2) e con il plus del vicino Parco Lambro. In un’area «con un forte mix abitativo, con housing sociale, edilizia popolare storica e di nuova generazione, anche con quote di edilizia libera, con un centro direzionale pulsante com'è la sede Rcs – dichiara Pierfrancesco Maran, assessore all’Urbanistica di Milano – il nuovo progetto darà una risposta integrata, considerando le valenze positive, il verde, ma rispondendo alla mancanza di servizi di base del quartiere».

Loading...

Il team vincitore

Sarà il team guidato dalla società benefit Redo, a sviluppare l’operazione che porterà alla realizzazione di un distretto a zero emissioni di carbonio, con una quota importante di social housing. Nel gruppo vincitore tra gli altri, per l’architettura si conta lo studio ARW guidato da Camillo Botticini e Matteo Facchinelli, per l’ingegneria Stantec. E nel gruppo multidisciplinare anche numerosi professionisti con specializzazioni specifiche, come vale per Mic per gli aspetti della mobilità. È arrivato al traguardo quindi uno dei progetti della seconda edizione di Reinventing per il capoluogo lombardo, un’iniziativa internazionale che consente di scegliere per lo sviluppo di un’area il miglior progetto premiato su linee guida ambientali e sociali e destinando solo pochi punti della valutazione al rilancio sulla base d'asta.

Green Between

Si chiama “Green Between” la proposta vincitrice per un nuovo pezzo di città a Crescenzago, che avanza una risposta anche per il tema della città dei 15 minuti. «L’ambizione è quella di creare una comunità energetica – raccontano da Stantec – dove gli utilizzatori potranno godere dell’energia prodotta e usata nel sito».

«Il progetto è stato studiato per i giovani, per le famiglie e l’obiettivo dei prezzi calmierati per le residenze diventa un elemento importante. La sfida della decarbonizzazione – aggiunge Fabio Carlozzo di Redo – l’abbiamo sviluppata con il Politecnico di Milano e di Torino, ma anche con partner come quella di Eon Business Solution per le soluzioni impiantistiche o con una cooperativa energetica per coinvolgere direttamente la comunità».

«Puntiamo a costruire un sistema che diventi la porta del Parco Lambro: quando si uscirà dalla stazione della metropolitana – spiega Camillo Botticini – ci sarà una grande piazza attrezzata, con una gradonata, che potrà diventare spazio per spettacoli. Da lì si aprirà una sorta di “rambla verde” per creare un collegamento diretto con il Parco. La costruzione dello spazio pubblico è un tema centrale: puntiamo a ridefinire un cambio di dimensione dello spazio comune, a ribaltare la condizione di perifericità con un “gate” che farà di Crescenzago un luogo con un’identità, di una forte qualità urbana e con manufatti di nuova realizzazione che sapranno connotare il progetto e la sua durata nel tempo».

Redo si conferma protagonista del social housing in Lombardia. Tra l’altro è già nell’area con un intervento di altri 137 appartamenti in via Rizzoli, con servizi al piano terra. «La fondazione Cariplo – aggiunge l’assessora all’Urbanistica del Municipio 3 Antonella Bruzzese – ha gli occhi puntati sul sito anche nell’ambito del cosiddetto masterplan Re Lambro, con una serie di interventi sulle aree verdi».

La riqualificazione di Crescenzago

Il futuro di Crescenzago passa per il mix used, per l’attenzione alla comunità, per la messa in rete dei diversi tasselli di un puzzle in definizione. Con attenzione agli spazi aperti e pubblici. Nell’area rimane da sciogliere il futuro dell’area ex Inps e la questione della dotazione di servizi pubblici e privati al piano terra (tema affrontato però sia nell'operazione Welcome che nelle iniziative di Redo).

Crescenzago inizia così il suo corso. Tra l'altro dando una risposta, come spiegato dall'architetto Marino Bottini del Comune di Milano «agli obiettivi di Milano 2030, per una città più equa e con quartieri di edilizia in affitto. In particolare, il Pgt prevede nuove aree per l'abitare, 160mila mq in tutto, e Crescenzago darà il suo contributo per 15mila mq di superficie».
Con “Green Between” si metterà in essere un laboratorio di sperimentazione con modelli insediativi innovativi, nell'ambito di una strategia per una Milano più green, vivibile e resiliente (rispondendo anche alle sfide proposte da C40).
Per Cresenzago erano arrivate in prima battuta 12 proposte, in seconda fase sono entrati 4 team e la giuria, presieduta da Valeria Bottelli, ha valutato due soluzioni nella short list finale: «una monofunzionale con uno studentato, l’altra che ha privilegiato un mixed use». La giuria ha apprezzato «la grande attenzione alla ricucitura con la fermata della metro, la risposta positiva e innovativa alle 10 sfide C40, i servizi e il rapporto con la cittadinanza, la qualità dell'architettura in dialogo con un luogo ricco di emergenze – spiega Bottelli – e ancora la solidità del team economico-finanziario».

I prossimi passi? Entro 18 mesi dalla notifica dell'aggiudicazione saranno perfezionati gli atti di trasferimento dell'area per una concessione di diritto di superficie per 90 anni. A seguire si partirà con la richiesta di presentazione dei titoli per l’attuazione degli interventi.

Riproduzione riservata ©

Brand connect

Loading...

Newsletter RealEstate+

La newsletter premium dedicata al mondo del mercato immobiliare con inchieste esclusive, notizie, analisi ed approfondimenti

Abbonati