PREVIDENZA DIGITALE

Social media e welfare: un fenomeno da studiare

A sei mesi dall'avvio, ecco un primo bilancio delle prime attività di Social media Welfare Hub, il progetto Mefop sull'utilizzo dei social degli enti di previdenza

di Daniela Vitale (*)

2' di lettura

I social media stanno assumendo un ruolo sempre più importante all'interno dei piani di comunicazione delle aziende di tutti i settori, mercati e dimensioni. La pandemia ha inoltre accelerato il processo che ha dirottato sui canali digitali una serie di attività di comunicazione in presenza, determinando un uso maggiore delle piattaforme social in moltissimi campi e settori. Quello del welfare non è naturalmente immune da queste trasformazioni: ne sono dimostrazione le sempre più numerose realtà che utilizzano i canali social per veicolare la loro comunicazione.

I social network rappresentano per il welfare un canale innovativo che offre l'opportunità di dialogare in maniera diretta con un pubblico vastissimo. La comunicazione social di un ente di welfare è tuttavia molto più complessa rispetto a quella di un prodotto/servizio non previdenziale, vista la natura del contenuto da comunicare, dei rischi reputazionali, dei vincoli istituzionali e politici, del target altamente specifico da coinvolgere.

Loading...

Il progetto

Mefop da anni studia e analizza la comunicazione del welfare attraverso assessment sulle singole realtà e analisi di sistema. Le peculiarità della comunicazione social nel welfare ci hanno spinto a costruire un luogo di confronto tra gli enti di welfare e le società e i professionisti che operano nella comunicazione social: il Social media Welfare Hub – SWHub. L'hub rappresenta in primis uno strumento per informare e fare cultura sull'utilizzo dei social nel welfare attraverso la creazione di momenti di confronto tra professionisti del settore, Mefop ed enti di welfare.

Nasce con l'obiettivo di studiare la comunicazione social in ambito welfare e di creare una community che metta in contatto tutti gli esperti e le società che professionalmente svolgono attività nel settore della comunicazione social e gli operatori del welfare, per analizzare la loro la comunicazione social e individuare le best practice e i risultati raggiunti dal sistema.

L'obiettivo è quello di elevare la qualità della comunicazione del welfare, diventando da un lato un punto di riferimento per le società di comunicazione che intendono lavorare nel settore e offrendo loro un aggiornamento continuo sui temi e le novità più rilevanti per il settore e dall'altro un laboratorio che offre agli enti di welfare dati, spunti di riflessione e idee per le loro attività di comunicazione e promozione. SWHub è aperto alla partnership con società, liberi professionisti e altri soggetti che lavorano sui social media.

La partnership non comporta alcun costo ma richiede esclusivamente la partecipazione alla realizzazione di report sui social in ambito welfare. L'attività dell'hub è iniziata a giugno 2021 con il lancio del sito web ed è proseguita con la pubblicazione di tre report verticali sull'utilizzo dei canali social da parte di fondi pensione, fondi sanitari e casse di previdenza.

L'indagine sulle aspettative

L’attività di SWHub, dopo i tre report verticali sugli stakeholder Mefop, prosegue con un sondaggio sull’utilizzo che fondi pensione, fondi sanitari e casse di previdenza fanno dei social. Abbiamo quindi predisposto un breve questionario al quale abbiamo chiesto ai nostri soci di rispondere entro il 14 gennaio per poter capire le aspettative e le esigenze degli operatori del welfare nei confronti della comunicazione attraverso i social. Le risposte che arriveranno saranno oggetto di un apposito report in cui i dati saranno presentati in forma anonima e aggregata.

Riproduzione riservata ©

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti