Revisione al ribasso

Softbank in rosso per quasi 8 miliardi di euro

Perdite superiori al previsto a causa della partecipata WeWork, che si sta rivelando sempre più un incubo

di Stefano Carrer

default onloading pic
Masayoshi Son, patron di Softbank.

Perdite superiori al previsto a causa della partecipata WeWork, che si sta rivelando sempre più un incubo


2' di lettura

Softbank ha dichiarato di aspettarsi una perdita netta ancora più pesante del previsto nell'esercizio finanziario che si chiuderà a fine marzo 2021. Il gruppo giapponese di telecomunicazioni e investimenti tecnologici prevede ora una perdita netta di 900 miliardi di yen (l'equivalente di quasi 7,8 miliardi di euro) : una netta revisione al ribasso rispetto al rosso da 650 miliardi yen che dichiarava di attendersi solo un paio di settimane fa.

WeWork pesa più del previsto.

Il peggioramento delle stime è legato a una perdita operativa inattesa da circa 700 miliardi di yen relativa alla porzione di investimento in WeWork detenuta al di fuori del maxifondo di investimenti tecnologici Vision Fund (la relativa contabilizzazione in perdita arriva a oltre 1.600 miliardi di yen). Due settimana fa era stato annunciato un rosso da 1.800 miliardi di yen per il Vision Fund, a dimostrazione del forte impatto delle turbolenze di mercato connesse alla pandemia in corso.
Softbank tuttavia non ha cambiato le previsioni sulla perdita operativa (1.350 miliardi di yen, la peggiore di sempre) o sul suo giro d'affari (6.150 miliardi di yen, in calo del 36% su base annua).

Lieve rialzo in Borsa

Le azioni di Softbank hanno chiuso con un modesto rialzo dello 0,5%, in una giornata in cui l'indice Nikkei e' salito del 2,6%: gli investitori avevano già ampiamente scontato i continui peggioramenti dell'esposizione a WeWork.

Le quotazioni di Softbank si sono riprese dopo il tondo ai minimi da 4 anni di fine marzo, inc seguito all'annuncio del patron Masayoshi Son di un piano per la vendita di asset per un totale di 41 miliardi di dollari, per finanziarie un ingente piano di buyback. Son aveva anche dichiarato di non voler più effettuare salvataggi di aziende facenti parti del portafoglio di investimenti: il piano di bailout di WeWork si sta rivelando sempre più un incubo.

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti