AUTO ALLA SPINA

Sony Vision-s, primi test e video su strada

L'auto elettrica di Sony ha iniziato i test su strada

di Simonluca Pini

default onloading pic

L'auto elettrica di Sony ha iniziato i test su strada


2' di lettura

Primi test su strada per la Sony Vision-s, “auto-laboratorio” realizzata dell'azienda giapponese. Presentata per la prima volta all'edizione 2020 del Ces di Las Vegas, l'auto prodotta da Sony ora è scesa su strada come documentato dal video realizzato con il nuovo drone Airpeack. In attesa di scoprire se la Vision-s arriverà realmente su strada o sarà utilizzata esclusivamente come vetrina per le tecnologie legate all'automotive, nel video realizzato da Sony si vede la novità elettrica impegnata nei test in Austria iniziati a dicembre 2020. Sviluppata in collaborazione con aziende come Nvidia, Continental, Bosch, ZF e Qualcomm, la Sony Vision-S è spinta da due motori elettrici con una potenza complessiva di 536 cavalli che permettono una velocità massima di 240 Km/h e uno scatto da da 0 a 100 Km/h coperto in soli 4,8 secondi.

Sony Vision-s interni
A bordo il maxi schermo anteriore domina la plancia, gli specchietti tradizionali hanno lasciato spazio a videocamere ad alta definizione e il sistema di bordo è dotato di connettività 5G capace di assicurare aggiornamenti over the air, gestione in remoto della vettura tramite app e un lungo elenco di personalizzazioni. Grazie all'impianto 360 Reality Audio (dotato di oltre 30 diffusori a bordo compresi quelli integrati nei sedili) ogni passeggero si può creare la propria zona d'ascolto dedicata. L'elenco di innovazioni comprende anche due schermi oversize al posteriore, dove trovano spazio due passeggeri su sedili individuali e personalizzabili.

Loading...
Sony Vision S prova su strada

Sony Vision-s guida autonoma
Nel dettaglio la Vision-S Concept monta 33 sensori in grado di monitorare la vettura sia esternamente che internamente andando così a fornire supporto sia per la guida autonoma che per la vita a bordo. Tra le novità arrivano anche nuovi Lidar allo stato solido ed inediti sistemi per l'analisi dei flussi di dati registrati durante la marcia andando ad aumentare la sicurezza in caso di guida disagiata. A bordo invece la tecnologia permette, tramite un processo battezzato time of light, di analizzare una serie di parametri necessari per far funzionare le diverse interfacce legate al gesture control. Sul fronte della guida autonoma la Sony Vision-S Concept, secondo lo stesso costruttore nipponico, rispetta il secondo livello ma tutti le tecnologie sono pensate per permettere il quarto livello.

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti