ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùemergenza covid-19

Sospesi i pagamenti dell’Area C, restituite le quote degli asili

L’amministrazione comunale nella sua ordinanza ha messo a punto misure immediate per dilazionare alcune imposte e restituire risorse alle famiglie

di Sara Monaci

default onloading pic
(IMAGOECONOMICA)

L’amministrazione comunale nella sua ordinanza ha messo a punto misure immediate per dilazionare alcune imposte e restituire risorse alle famiglie


2' di lettura

Dalla sospensione di area B e C all’istituzione di un fondo per le imprese fino al posticipo di alcune tasse locali. Anche il Comune di Milano sta provando a mettere in piedi una serie di misure per aiutare la città.
C’è voluto qualche giorno per il capoluogo lombardo per capire che la grande corsa al primato italiano dell’economia e degli eventi si deve bruscamente arrestare.

L’ordinanza
L’amministrazione comunale non ha subito compreso la situazione, visto che nella prima settimana dell’ordinanza il sindaco chiedeva di riaprire i musei. Oggi però lo stato di emergenza è chiaro a tutti.
E così il Comune di Milano ha varato una sua ordinanza. Questi i contenuti più rilevanti:

1) la sospensione di area B e C e della sosta a pagamento nel periodo di restringimento dell’attività degli esercizi commerciali
2) la sospensione dei mercati settimanali scoperti
3) la proroga per l’accesso in aree pedonali e a traffico limitato;
4) erogazioni da pare dell’amministrazione di servizi online e allo sportello solo su appuntamento.

Le tasse
Per quanto riguarda i pagamenti di canoni, imposte locali e pagamenti di asili, i primi interventi riguardano
1)i pagamenti delle concessioni di immobili di proprietà comunali, differiti al 30 settembre 2020 senza more o interesse
2)la Cosap, la tassa per l’occupazione del suolo pubblico, potrà essere pagata dopo il 30 settembre invece che il 30 giugno, ad una data da identificare (comunque entro il 31 dicembre 2020)
3)la Tari 2020 è dilazionata in quattro rate per chi le preferisse (rispetto all’unica rata o alle due previste solitamente)
4)la riscossione delle royalty è differita al 20 settembre
5)i pagamenti delle quote di asili nido e scuole materne verranno dilazionati e i mesi di chiusura per emergenza straordinaria non verranno addebitati. Chi ha già pagato ha diritto al rimborso
6)le mense scolastiche verranno pagate entro il 15 maggio e il periodo non utilizzato verrà restituito.
Intanto il Comune sta lavorando anche ad un fondo per le imprese, da aggiungere a quello già accantonato nel bilancio 2020 da 3 milioni per le famiglie più in difficoltà.

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti