ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùVenice Sustainable Fashion Forum

Sostenibilità e moda, l’Italia guida la transizione. E le aziende fanno più dei governi

A Venezia i protagonisti dell’industria della moda discutono di come migliorare il suo impatto: si punta su riduzione delle emissioni e circolarità, ma permangono ostacoli come l’eccesso di certificazioni e di burocrazia

di Barbara Ganz

“Venere degli stracci”, Michelangelo Pistoletto, 1967. Museo d’arte contemporanea del castello di Rivoli (Torino)

3' di lettura

Nella città che si candida a essere Capitale mondiale della sostenibilità, forte – ricorda il presidente degli industriali Vincenzo Marinese – di un tessuto produttivo che esporta il 39% e ha programmato e realizzato investimenti per oltre 3,5 miliardi proprio su questa sfida, va in scena il Venice Sustainable Fashion Forum, in programma fino a oggi negli spazi della Fondazione Giorgio Cini. Un’iniziativa promossa da Confindustria Venezia Area Metropolitana di Venezia e Rovigo e The European House-Ambrosetti, con il patrocinio di Assocalzaturifici, Camera nazionale della moda italiana e Sistema moda Italia (Smi).

È il primo summit internazionale dedicato a un futuro sostenibile del settore: due giorni per comprendere presente e futuro di un comparto chiave dell’economia italiana tramite le voci dei protagonisti e con dibattiti, analisi di trend, dati, comportamenti di mercato e best practice. Obiettivo del forum – al quale intervengono istituzioni, brand, professionisti di filiera, rappresentanti del mondo dell’industria e dell’impresa, Ong – è accelerare un percorso di transizione sostenibile in un settore che soffre di carenza di dati e di strumenti di misurazione standardizzati.

Loading...

Secondo il report iniziale basato sulle rilevazioni effettuate da The European House-Ambrosetti, infatti, manca un quadro di riferimento chiaro: le stime sulle emissioni di carbonio del settore moda registrano uno scostamento fino al 310% tra le diverse fonti interpellate, e le stime sui prelievi annuali di acqua dolce da parte delle imprese evidenziano variazioni fino al 172% l’una dall’altra e fino al 429% rispetto ai dati sull’utilizzo di acqua per la produzione di jeans.

A complicare ulteriormente il quadro, l’enorme quantità di certificazioni di sostenibilità – oltre 300 – e rating ottenuti con parametri differenti e poco comparabili. «Agli addetti ai lavori è ben noto come la transizione verso la sostenibilità sia complessa – spiega Flavio Sciuccati , responsabile della divisione fashion&luxury di The European House-Ambrosetti –, a causa di fattori peculiari quali la forte segmentazione che va dal lusso di fascia alta ai segmenti più bassi, la brevità del ciclo di vita dei prodotti e il continuo rinnovamento delle collezioni, le scelte di globalizzazione e la ricerca del low cost, che hanno portato alla delocalizzazione di massa e alla frammentazione esasperata delle catene di fornitura».

Un problema per la politica e le aziende, soprattutto se si considera che il settore è una eccellenza del made in Italy, e che l’Italia, insieme alla Francia, rappresenta la maggioranza (circa l’80%) della filiera del lusso a livello globale. In questo scenario circa mille aziende europee dei settori fashion e lusso devono rendere pubbliche annualmente le loro performance quantitative di sostenibilità a partire dall’anno fiscale 2023 o, al più tardi, dal 2024, secondo gli standard introdotti dalle nuove direttive europee. L’Italia, in particolare, è prima in Europa per numero di imprese interessate da questa scadenza, quasi 300, seguita dalla Francia con più di 130 e dalla Germania con 110, mentre tutti gli altri Paesi Ue presentano una media di circa 25 aziende interessate.

In questo senso la transizione sostenibile è una questione strategica per l’industria nazionale della moda che vale un fatturato di circa 100 miliardi, oltre 500mila addetti e più di 60mila aziende. La stessa Europa, del resto, si è posta l’ambizioso obiettivo di diventare il primo continente neutrale per emissioni di carbonio entro il 2050 e ha redatto una tabella di marcia di misure con obiettivi intermedi per il 2030.

Molte le sfide aperte, a cominciare dal potenziale enorme per i modelli circolari, che la Global Fashion Agenda stima potrebbero arrivare a valere l’80% del mercato della moda, ma vanno tenute presenti le aspettative di crescita al 2026 del modello fast fashion (circa il 7,9% annuo), spinto in particolare dai giovani al di sotto dei 24 anni, sempre più interessati al prezzo e meno alla qualità e mentre il social commerce sta crescendo più velocemente del tradizionale e-commerce, in particolare in Cina.

E in un mondo dove affrontare il tema del cambiamento climatico che mette a rischio la specie umana non è un’opzione ma una necessità, ricorda Carlo Carraro, vice presidente Ipcc (Intergovernmental Panel on Climate Change, l’organizzazione delle Nazioni Unite che si occupa di cambiamenti climatici) e professore di economia ambientale all’Università Ca’ Foscari di Venezia, di cui è stato rettore: e le imprese si stanno muovendo anche più velocemente dei governi.

Al forum anche una delle prime uscite del ministro delle imprese e del made in Italy Adolfo Urso: «Oggi al bello e ben fatto vanno aggiunti altri fattori: penso al contenuto tecnologico e anche allo sviluppo sostenibile come ulteriori elementi di eccellenza che vengono percepiti dal consumatore globale. Un valore aggiunto che chiama le imprese a una nuova consapevolezza».

Riproduzione riservata ©

Consigli24: idee per lo shopping

Scopri tutte le offerte

Ogni volta che viene fatto un acquisto attraverso uno dei link, Il Sole 24 Ore riceve una commissione ma per l’utente non c’è alcuna variazione del prezzo finale e tutti i link all’acquisto sono accuratamente vagliati e rimandano a piattaforme sicure di acquisto online

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti