consiglio dei ministri

Conte bis, ecco la lista dei 42 sottosegretari e viceministri

Decisivo il pressing sulla maggioranza del premier Giuseppe Conte, che nei giorni scorsi avevachiesto a M5S e Pd tempi rapidi «per essere attivi quanto prima», garantendo la piena efficienza del Governo giallo-rosso e togliere argomenti alla propaganda del leader della Lega Matteo Salvini

di Vittorio Nuti


Governo, per i sottosegretari possibile rinvio di una settimana

3' di lettura

Dopo una lunga notte di trattative e gli ultimi ritocchi in extremis per dare la quadra si è finalmente conclusa la partita dei viceministri e dei sottosegretari del Conte bis: la lista dei 42 è stata approvata dal Consiglio dei ministri convocato alle 9.30 ma iniziato con oltre un'ora di ritardo. I sottosegretari del M5S sono 21, 18 Dem, due i rappresentanti di LeU, uno del Maie. I 5 Stelle conservano dunque una maggioranza di sottosegretari e anche di viceministri: ne avranno 6, mentre quattro saranno del Pd. Il giuramento delle "new entry" del Governo è in programma per lunedì 16 settembre alle ore 10 a Palazzo Chigi.

Gli 11 viceministri
Antonio Misiani (Pd) e Laura Castelli (M5S) sono i nuovi viceministri all'Economia; Stefano Buffagni (M5S) è viceministro allo Sviluppo economico e Marina Sereni (Pd) e Emanuela Del Re (M5S) viceministri agli Esteri. Gli altri viceministri sono Giancarlo Cancelleri (M5S) alle Infrastrutture, Pierpaolo Sileri (M5S) alla Salute, mentre la renziana Anna Ascani (Pd) andrà all'Istruzione. All'Interno i viceministri sono Matteo Mauri (Pd) e Vito Crimi (M5S).

In dettaglio, la lista dei viceministri e dei sottosegretari approvata dal Cdm è la seguente:

Presidenza del Consiglio dei ministri
Mario Turco (M5S) alla Programmazione economica e investimenti
Andrea Martella (Pd) all'Editoria
(La delega ai Servizi non è stata assegnata e rimarrà con ogni probabilità nelle mani del premier)

Ministero degli Affari esteri (ministro Luigi Di Maio, M5S)
Marina Sereni (Pd) viceministro
Emanuela Del Re (M5S) viceministro
Ivan Scalfarotto (Pd)
Manlio Di Stefano (M5S)
Riccardo Merlo (Maie)

Ministero dell'interno (ministro Luciana Lamorgese, tecnico)
Matteo Mauri (Pd) viceministro
Vito Crimi (M5S) viceministro
Achille Variati (Pd)
Carlo Sibilia (M5S)

Ministero della Giustizia (ministro Alfonso Bonafede, M5S)
Vittorio Ferraresi (M5S)
Andrea Giorgis (Pd)

Ministero della Difesa (ministro Lorenzo Guerini, Pd)
Angelo Tofalo (M5S)
Giulio Calvisi (Pd)

Ministero dell'Economia e delle Finanze (ministro Roberto Gualtieri, Pd)
Antonio Misiani (Pd) viceministro
Laura Castelli (M5S) viceministro
Pierpaolo Baretta (Pd)
Alessio Villarosa (M5S)
Cecilia Guerra (LeU)

Ministero dello Sviluppo economico (ministro Stefano Patuanelli, M5S)
Stefano Buffagni (M5S) viceministro
Alessandra Todde (M5S)
Mirella Liuzzi (M5S)
Gianpaolo Manzella (Pd)
Alessia Morani (Pd)

Ministero ai Beni culturali e Turismo (ministro Dario Franceschini, Pd)
Anna Laura Orrico (M5S)
Lorenza Bonaccorsi (Pd)

Ministero della Salute (ministro Roberto Speranza, LeU)
Pierpaolo Sileri (M5S) viceministro
Sandra Zampa (Pd)

Ministero dell'Istruzione (ministro Lorenzo Fioramonti, M5S)
Anna Ascani (Pd) viceministro
Lucia Azzolina (M5S)
Giuseppe De Cristofaro (LeU)

Ministero dell'Ambiente (ministro Sergio Costa, M5S)
Roberto Morassut (Pd)

Ministero alle Politiche agricole (ministro Teresa Bellanova, Pd)
Giuseppe L'Abbate (M5S)

Ministero del Lavoro e Politiche sociali (ministro Nunzia Catalfo, M5S)
Stanislao Di Piazza (M5S)
Francesca Puglisi (Pd)

Ministero Infrastrutture e Trasporti (ministro Paola De Micheli, Pd)
Giancarlo Cancelleri (M5S) viceministro
Roberto Traversi (M5S)
Salvatore Margiotta (Pd)

Ministero Rapporti con il Parlamento (ministro Federico D'Incà, M5S)
Simona Malpezzi (Pd)
Gianluca Castaldi (M5S)

Ministero agli Affari europei (ministro Vincenzo Amendola, Pd)
Laura Agea (M5S)

Poche donne
La lista dei sottosegretari conferma la scarsa presenza di donne nel Governo Conte bis: solo 14 su 42, in linea con le 7 ministre su 22. Il dicastero più "rosa" sarà il Mise, con tre sottosegretarie (Alessandra Todde, Mirella Liuzzi e Alessia Morani). Due sottosegretari donna li avrà la Cultura (Anna Laura Orrico e Lorenza Bonaccorsi), l'Istruzione (Lucia Azzolina e Anna Ascani, che sarà viceministro) e il Mef (Cecilia Guerra e Laura Castelli, confermata viceministro). Simona Malpezzi sarà ai Rapporti con il Parlamento, Laura Agea alle Politiche Ue, Marina Sereni, sarà viceministro degli Esteri, Francesca Puglisi al Lavoro e Sandra Zampa alla Salute.

LEGGI ANCHE / Regionali, possibili accordi Pd-M5s: tra desistenze e candidati civici

L'accelerazione del premier
Nei giorni scorsi il premier aveva pressato la maggioranza chiedendo a M5S e Pd tempi rapidi sulla lista del sottogoverno, in modo da garantire la piena efficienza del Governo giallo-rosso. E togliere argomenti alla propaganda del leader della Lega Matteo Salvini. Che a cose fatte tuona contro la «vergognosa spartizione di posti e poltrone di Pd e M5S. Festeggiate e mangiate finchè siete in tempo tanto prima o poi gli italiani vi manderanno a casa».

Confronto Pd-M5S su 42 caselle
I sottosegretari sono fondamentali per seguire i lavori delle Camere e interloquire con la maggioranza parlamentare. Sulla carta, la griglia di ripartizione con 42 caselle su cui hanno trattato gli sherpa dei partiti al Governo prevedeva 22-23 nomine in quota Movimento 5 Stelle, tra le 17 e le 18 assegnate al Pd, e una o due a Liberi e Uguali. La legge dispone per l'Esecutivo un tetto massimo di 65 membri e ad oggi, tra premier, ministri (21) e sottosegretario alla presidenza del Consiglio, se ne contano già 23.

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti
Loading...