ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùmega-merger

S&P Global si fonde con Ihs Markit: nozze da 44 miliardi, deal record del 2020

Dalla combinazione transatlantica nascerà un leader dei dati per Wall Street e per le piazze finanziarie globali

di Marco Valsania

(AFP)

2' di lettura

Matrimonio tra giganti nel mondo dell'informazione, dei dati e dell'analisi economica e finanziaria. S&PGlobal e Ihs Markit hanno raggiunto un accordo per fondersi in un'operazione strutturata con uno scambio azionario che attribuisce a Ihs Markit un enterprise value (valore d'impresa) di 44 miliardi di dollari, inclusi 4,8 miliardi di debito netto. «L'operazione - si legge in una nota - unisce due organizzazione di livello mondiale, un portafoglio unico di asset in mercati attrattivi e con capacità all'avanguardia nell'innovazione e nella tecnologia per accelerare la crescita e la creazione di valore»

Merger da record

La cifra fa volteggiare l'operazione in vetta alle classifiche delle fusioni scattate nel corso del 2020. L'annuncio ufficiale dei termini del merger è stato anticipato dal Wall Street Journal che ha riportato il negoziato in dirittura d'arrivo. IHS Markit, che ha sede a Londra, ha oggi un valore di circa 37 miliardi. S&P Global, con quartier generale a New York City, ha una market cap di 82 miliardi.

Loading...

S&P, dai ratings del debito agli indici azionari

S&P Global, con 17.000 dipendenti e un giro d'affari annuale da oltre 6 miliardi, offre ratings sul debito sovrano e aziendale e dati a mercati dei capitali e borse merci su scala internazionale. Più in dettaglio, controlla S&P Global Ratings (ratings e ricerca), Global Market Intelligence (dati e analisi per gli investitori istituzionali), Global Platts (informazioni e benchmarks per le commodities), CRISIL (servizio di credit rating in India). E, attraverso una quota di maggioranza, S&P Dow Jones Indeces, che gestisce grandi indici azionari a cominciare dall'S&P 500 e dal Dow Jones.

Una storia lunga 103 anni

Affonda le sue origini nell'Ottocento: per la precisione nel 1888 James H McGraw rilevò l'American Journal of Railway Appliances che poi crebbe nell'impero dell'informazione McGraw Publishing. Nel 1917 venne completata la fusione con le pubblicazioni specializzate di John Hill, dando vita alla McGraw-Hill Publishing Company. L'acquisto della società di credit rating S&P risale al 1966. Da allora una serie di riorganizzazioni e dismissioni hanno portato all'attuale S&P Global, nome adottato quattro anni or sono.

IHS Markit, un portafoglio diversificato

IHS Markit, da parte sua, ha un ventaglio diversificato di attività: forte di 14.000 dipendenti tra i quali oltre cinquemila analisti ed entrate da 3,6 miliardi l'anno, fornisce dati al settore auto e tecnologico come dà alle stampe la pubblicazione specializzata nel settore difesa, sicurezza e intelligence Janes's Defence Weekly. È nata con l’attuale nome nel 2016, dalla combinazione dell'americana IHS e della britannica Markit.

Dal ’700 europeo agli ingegneri del Colorado

Alcuni business europei del gruppo hanno antenati che risalgono al Settecento e Ottocento, quando erano specializzati nell'assegnazione di numeri identificativi per vascelli e aziende. Il marchio Markit fu adottato nel 2003, per l’esattezza Mark-it Partners con l'obiettivo di fornire dati per il mercato dei credit default swap che consentissero di stabilire prezzi quotidiani. La IHS era stata invece fondata in Colorado nel 1959, per offrire informazioni e banche dati su microfilm a ingegneri del settore aerospaziale.

Riproduzione riservata ©

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti