CRESCITA DEll’1,3%

S&P taglia la stima del Pil dell’Italia nel 2018: politica interna principale rischio

di Redazione Roma

Secondo l’agenzia di rating S&P il processo politico interno è il principale rischio per l’outlook economico italiano (Ansa)

1' di lettura

S&P Global Ratings ha tagliato le stime sulla crescita dell’Italia all’1,3% nel 2018 (dall’1,5%) e ha lasciato invariato all’1,2% quella del 2019. Come si legge in una nota, «la più alta inflazione, in parte collegata al rialzo dei prezzi dell’energia, peserà sui consumi, specialmente perché la crescita dei salari deve ancora prendere piede». In assenza di riforme strutturali per sostenere la produttività, l’agenzia «prevede che la crescita resterà bassa».

Secondo il report dell’agenzia, «l’incertezza sulle politiche e il commercio porterà probabilmente a una crescita più lenta degli investimenti». «La politica interna è il principale rischio», pesa in particolare «l’incertezza sulla volontà del governo di proseguire nel consolidamento fiscale».

Loading...

Timori questi ultimi confermati anche dall’indice spia sull’andamento dell’economia dell’Istat che «evidenzia una nuova decelerazione». Calano ordini e export, si rafforza il mercato del lavoro, l’inflazione torna a aumentare ma meno dell’area euro.

Riproduzione riservata ©

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti