L’inchiesta delle iene

«Spara e scappa»: la truffa della mancata raccolta rifiuti a Roma 

«La grande monnezza» è l’inchiesta in più puntate condotta dalla trasmissione di Mediaset. Zingaretti firma l’ordinanza: Roma Capitale dovrà individuare entro pochi giorni uno o più siti sul suo territorio per lo smaltimento dei suoi rifiuti

di Nicoletta Cottone


default onloading pic
Rifiuti fuori dai cassonetti a Roma (Ansa)

3' di lettura

«L’Ama faccia immediatamente chiarezza, anche attraverso un’indagine interna, su presunti comportamenti scorretti da parte di alcuni dipendenti dell’azienda». Con un post su Facebook la sindaca di Roma, Virginia Raggi, ha preso posizione sui servizi delle Iene sui fannulloni della raccolta rifiuti di Ama nella Capitale. L’inchiesta in più puntate, “La grande monnezza”, firmata da Filippo Roma e Marco Occhipinti, ha svelato che molti operatori girano per la città nell’orario di servizio parlando al telefono, facendo la spesa, o mangiando la pizza. E lasciando che la Capitale sia sommersa dai rifiuti.

La beffa ai locali della Capitale
Il caso più eclatante svelato dall’inchiesta è quello degli operatori di una delle ditte che ha in appalto la raccolta dei rifiuti per conto dell’Ama, che dovrebbero raccogliere la differenziata delle utenze non domestiche, quindi di attività commerciali come negozi, ristoranti, bar e tavole calde. Invece l’operatore scende dal furgoncino e beggia con il palmarino sul codice a barre fuori dai locali, 160-200 volte a notte, come se avesse ritirato i rifiuti. Peccato che gli esercizi commerciali siano chiusi e sia impossibile ritirare plastica e metalli, organico, cartone o vetro. Dal passaggio del badge risulta che gli operatori sono passati e l’Ama paga, anche se il rifiuto fisicamente non è stato mai preso. Si configurerebbe, insomma, una vera e propria truffa ai danni dei romani. Fra le altre un operatore della ditta ha rivelato che, invece, raccogliendo i rifiuti, non si potrebbero fare più di 40-45 beggiate a notte. La prassi sarebbe talmente consolidata da aver dato vita al gruppo su WhatsApp “Spara e scappa” fra i dirigenti della ditta.

I furbetti della raccolta dei rifiuti
Seguendo i furgoncini usciti dal centro Ama di Campo Boario, Filippo Roma e Marco Occhipinti, un’altra puntata dell’inchiesta ha documentato squadre che, nel turno di raccolta di sei ore, girano a vuoto, senza mai fermarsi a raccogliere i rifiuti. Le soste sono per commissioni personali, per parlare al telefono, mangiare un trancio di pizza o fare un riposino. C’è persino chi fa tappa in pasticceria o al supermercato, chi si ferma da un ferramenta per il duplicato di una chiave, chi guarda un film sul cellulare e chi prova addirittura a rimorchiare una collega.

L’ordinanza di Zingaretti
La sindaca di Roma Virginia Raggi, nella sede del Consiglio regionale del Lazio, accompagnata dai presidenti dei municipi romani, aveva detto no alla realizzazione di una nuova discarica “in deroga ambientale” nella Capitale, territorio che ha già “sopportato il sito di Malagrotta” per decenni. E il presidente della Regione Lazio Nicola Zingaretti, in risposta, ha firmato una nuova ordinanza: Roma Capitale in tempi strettissimi dovrà individuare uno o più siti o impianti sul suo territorio per lo smaltimento dei suoi rifiuti. E se Roma Capitale o Ama non rispetteranno l’ordinanza, scatterà il commissariamento e le denunce alla magistratura. «In caso di inosservanza della presente ordinanza - si legge nell’ordinanza - vengono adottate in via sostitutiva dalla Regione tutte le iniziative necessarie a garantirne l'ottemperanza, nonché comunicati all'Autorità giudiziaria i responsabili delle condotte omissive».

Per approfondire
Roma tratta per inviare a Stoccolma i rifiuti per tre anni
Emergenza rifiuti a Roma, e' allarme dei medici (video)

I pionieri dei rifiuti che diventano risorsa

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti
Loading...