LA BASE DI KOUROU

Spazio, riapre il centro in Guyana. Il primo lancio sarà il Vega in giugno

Agenzia spaziale francese e Arianespace hanno dato il via alla ripresa dell’attività dopo la sospensione in marzo per il Coronavirus

di Gianni Dragoni

Earth day, Leonardo mostra i satelliti che studieranno la Terra

2' di lettura

Riapre il centro spaziale di Kourou, nella Guyana francese, che era stato chiuso in marzo per il Coronavirus. C’è una “fase due” anche per l’industria spaziale, che potrà riprendere i lanci di satelliti. Il via libera alla riapertura è stato dato dall’agenzia spaziale francese (Cnes) e da Arianespace, la società che gestisce la base di Kourou e che commercializza i lanci fatti con i razzi francesi Ariane, con il Vega italiano realizzato da Avio e il Soyuz russo.

Attività sospesa dal 16 marzo
Il centro tornerà gradualmente all’operatività a partire dall’11 maggio. Era stato chiuso per decisione del governo francese durante il picco dell’emergenza Covid-19, il 16 marzo scorso. La prima vittima dello stop era stato il lancio del Vega, previsto per la fine di marzo, ma sospeso. E adesso il lanciatore italiano sarà il primo a ripartire dal centro guianese.

Loading...

I lanci ripartono con Avio
Arianespace e Avio hanno comunicato che il volo del Vega, il numero 16 della serie, avverrà «intorno a metà giugno». Sarà un volo con il dispositivo Ssms, che porterà in orbita circa 50 mini-satelliti. Un evento atteso dall’industria, perché l’ultimo lancio del Vega è quello fallito nel luglio 2019, dopo 14 voli consecutivi perfettamente riusciti. Nel frattempo sono stati apportati dei correttivi alle procedure, dopo l’inchiesta condotta dall’Esa sull’incidente che ha fatto perdere un satellite degli Emirati Arabi Uniti.

Quarantena per il personale
Avio ha detto che «la ripresa delle attività avverrà ora secondo i più alti standard di sicurezza sanitaria, inclusa la quarantena per tutto il personale di missione prima di svolgere attività sulla base. Il personale necessario al ritorno al volo di Vega sarà operativo a partire dal 25 Maggio, per consentire quindi lo svolgimento della missione entro la metà di giugno».

Il commento dell’a.d. Ranzo
Giulio Ranzo, amministratore delegato di Avio, ha così commentato: «Mentre in Italia le nostre attività di produzione e di ricerca e sviluppo proseguono durante l’emergenza Covid-19, la riapertura del centro spaziale in Guyana ci permette di tornare velocemente anche sulla rampa di lancio per la missione numero 16 di Vega con l’innovativo dispenser SSMS, che porterà in orbita circa 50 satelliti in un’unica missione. La campagna di volo a Kourou – ha proseguito Ranzo – avverrà seguendo i più alti standard di sicurezza per i nostri colleghi, come tutte le attività nei nostri stabilimenti durante questo periodo di emergenza».

In estate toccherà a Soyuz
Dopo il razzo italiano ci sarà a fine luglio un nuovo volo con il collaudatolanciatore francese Ariane 5. Arianespace ha detto che sarà una missione per due clienti, Intelsat e B-Sat, alla fine di luglio. La società francese ha aggiunto che le campagne di lancio per due missioni Soyuz verranno riprese quest’estate.

Per approfondire

Stop ai lanci, fallimenti, fondi in calo: l'impatto di Covid-19 sulla «space economy»

Spazio, sospesi per coronavirus i lanci di satelliti dalla Guyana. Rinviato il lancio del Vega


Riproduzione riservata ©

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti