Sport24

Per i seggiolini dello Stadio San Paolo un mix di colori: blu,…

  • Abbonati
  • Accedi
universiadi 2019

Per i seggiolini dello Stadio San Paolo un mix di colori: blu, azzurro, grigio, bianco e poco giallo

Napoli. Stadio San Paolo (Afp)
Napoli. Stadio San Paolo (Afp)

I 55mila nuovi seggiolini dello Stadio San Paolo – in corso di restyling in vista delle Universiadi che si terranno a Napoli tra il 3 e il 14 luglio 2019 – saranno di un mix di colori: blu, azzurro, bianco, grigio e con qualche inserto di giallo. Questa la proposta dell’Associazione temporanea di imprese assegnataria della commessa al termine di una lunga concertazione durata fino a ieri in tarda serata. Il verdetto era atteso con grande interesse dopo le polemiche dei giorni scorsi tra Comune e società Calcio Napoli.

L’intensità del colore sarà maggiore nell’anello più alto e minore nella parte bassa dello Stadio napoletano. La progettazione è alle battute finali: le imprese assegnatarie della commessa presenteranno il progetto definitivo con tanto di rendering a colori, questa mattina. La loro proposta dovrebbe poi essere approvata definitivamente senza incontrare altri problemi poichè è stata formulata dopo una stretta collaborazione con il Commissariato per le Universiadi che è il committente. I tecnici sono certi di aver individuato la soluzione migliore sia per esigenze estetiche che funzionali e sopratutto tenendo conto che ormai resta poco tempo per realizzare l’intervento. Da giorni si ci domandava: saranno tutti azzurri come li avrebbe voluti il Comune oppure multicolor come proponeva il presidente del Calcio Napoli, Aurelio De Laurentiis? Si era parlato anche di una soluzione con diverse sfumature di azzurro. Il fatto è che mentre il Comune pensava a una bella immagine dello Stadio nelle riprese televisive, il presidente De Laurentiis si preoccupava, a quanto sembra e affermato in Comune, di nascondere eventuali spalti vuoti. La polemica è andata avanti per giorni.

La parola alle imprese
Quattro le società riunite nell’Ati (Associazione temporanea di imprese) che si è aggiudicata la commessa da 8,5 milioni (era di 11 milioni circa la base d'asta). Capofila e mandataria è l'impresa Tipiesse Spa (con il 52,48%), specializzata in costruzione di impianti sportivi, a cui sono associate la Mondo (con il 10,60%), la multinazionale piemontese con sedi in Usa e in Cina che in Italia ha rivestito negli anni scorsi con i propri seggiolini lo Juventus Stadium, il Meazza di Milano e la Dacia Arena di Udine. E ancora, Graded Spa (con una quota del 26,32% e che si occuperà del montaggio) e Ceta (10,60%) che fornirà i sostegni dei seggiolini.
Risale a fine febbraio l'assegnazione della gara, per il rifacimento dei seggiolini. Solo l'altro giorno è stato firmato il verbale di avvio e di esecuzione in via di urgenza. Ormai infatti è scattata una corsa contro il tempo poiché si rischia di non completare il lavoro in tempo per l’avvio delle gare.

I numeri delle Universiadi
La trentesima edizione dell’Universiade coinvolgerà l’intera regione Campania, con oltre 50 impianti di gara, vedrà ai nastri di partenza gli atleti di ben 18 discipline sportive, numero che fa dell'Universiade il secondo evento multidisciplinare al mondo, secondo solo alle Olimpiadi. Quella di Napoli sarà l'undicesima volta – tra edizioni estive e invernali - di un'Universiade in Italia; la prima a Torino nel 1959. Sono attese in Campania poco meno di diecimila persone tra atleti e delegazioni, alle quali si aggiungeranno i fans e gli sportivi.

© Riproduzione riservata