ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùStreaming audio

Spotify taglia circa 600 posti di lavoro: il 6% del totale

Il ceo Daniel Ek: «Per allineare i costi, abbiamo preso la difficile ma necessaria decisione di ridurre il nostro numero di dipendenti»

Big Tech si prepara alla recessione

1' di lettura

Spotify, il gruppo svedese che offre l’omonimo servizio di streaming musicale globalmente diffuso, ha annunciato un taglio della forza lavoro di circa il 6 per cento. A renderlo noto, in un lungo comunicato, è stato il cofondatore e ceo Daniel Ek. «Per allineare i costi, abbiamo preso la difficile ma necessaria decisione di ridurre il nostro numero di dipendenti. Nelle prossime ore si svolgeranno conversazioni individuali con tutti i dipendenti interessati», ha spiegato Ek. Il colosso dello streaming musicale, quotato al Nyse, ha circa 9.800 dipendenti: i posti tagliati ammonterebbero quindi a circa 600.

Cambi nel management

Spotify ha affermato anche che Dawn Ostroff, chief content and advertising business officer, lascerà l’azienda come parte di una più ampia riorganizzazione. Alex Norström, attualmente chief freemium business officer, e Gustav Söderström, attualmente chief research & development officer, assumeranno ciascuno ulteriori responsabilità come copresidenti della società.

Loading...

Podcast non ancora redditizi

Spotify ha assunto un enorme impegno per il podcasting a partire dal 2019. Ha speso oltre un miliardo di dollari per l’acquisizione di reti di podcast, software di creazione, un servizio di hosting e i diritti di programmi popolari come The Joe Rogan Experience e Armchair Expert.
Tuttavia, gli investimenti hanno messo alla prova la pazienza degli investitori. Le azioni sono crollate lo scorso anno quando gli investitori si sono chiesti quando avrebbero iniziato a vedere i rendimenti. I dirigenti di Spotify hanno dichiarato a giugno che l’attività di podcast sarebbe diventata redditizia nei prossimi uno o due anni.

Riproduzione riservata ©

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti