ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùparadossi

Lo spread in calo aiuta le banche in Borsa ma incide sui ricavi

La discesa del differenziale è dovuta anche al rialzo delle quotazioni del BTp. Questo è un fattore positivo che consente potenziali plusvalenze e miglioramenti del capitale di vigilanza. Il trend è però è dovuto al calo generalizzato dei tassi di mercato che penalizza in margine d’interesse delle banche stesse

di Vittorio Carlini


default onloading pic

2' di lettura

Lo spread BTp-Bund in questi ultimi giorni è calato. La differenza tra il rendimento del decennale italiano e quello del corrispettivo tedesco si è assestato intorno a quota 200 punti base. Si tratta un valore, da un lato, inferiore ai 333 basis point che l’indicatore aveva raggiunto nell’ottobre scorso durante il muro contro muro tra Bruxelles e Roma sulla manovra finanziaria. Ma dall’altro, va ricordato, ancora circa 70 punti base in più rispetto al livello che lo spread vantava prima che venissero pubblicate le prime bozze del contratto tra Lega e M5S.

Ciò detto è chiaro che il calo del differenziale è un sospiro di sollievo per le azioni finanziarie. Gli istituti di credito con residenza in Italia hanno in portafoglio intorno a 394 miliardi di nostri Titoli di Stato. Una grande parte è proprio in mano alle banche quotate. Ebbene: nel momento in cui lo spread scende (seppure deve ricordarsi che rileva anche l’andamento del tasso del Bund) significa che il prezzo dei BTp sale. Questo ovviamente è positivo per le società finanziarie. In primis perchè, in generale, il minore pressing sul debito è un segnale di “minore rischio” sull’Italia. Quindi il sentiment degli investitori migliora e arrivano gli acquisiti.

E poi perché tutti i BTp, che non sono contabilizzati come “Held to collect” (cioè mantenuti fino a scadenza senza alcun impatto sul bilancio), in linea di massima (nel momento in cui i prezzi salgono) possono implicare delle plusvalenze sul conto economico e dei vantaggi sul capitale di vigilanza.

Tutto rose e fiori, quindi? Non proprio. Il flusso di acquisti cui si assiste in questo momento sui titoli di Stato italiani è dovuto, anche e soprattutto, al crollo dei tassi di mercato conseguenza della politica monetaria ultra accomodante della Bce e di molte altre banche centrali. Sono circa 13.400 miliardi di dollari i bond governativi con yield negativo. Dal che è inevitabile che gli operatori puntino sul nostrano BTp che rende circa il 2%. Ciò detto, però, il contesto di rendimenti negativi sul mercato crea dei problemi al margine d’interesse (voce importante dei ricavi delle banche). Gli istituti di credito, infatti, da un lato spuntano bassi rendimenti sugli impieghi; e, dall’altro, non possono schiacciare più di tanto il costo del funding. Il risultato? La debolezza, per l’appunto, del “Net interest income”.

Quindi, paradossalmente, lo spread in calo aiuta i titoli bancari in Borsa ma in questo momento è l’effetto di una situazione che può penalizzare i ricavi. Così non è un caso che molte banche stiano affrontando l’era dei tassi rasoterra con la diversificazione del margine d’intermediazione. Puntano sulle commissioni legate al risparmio gestito oppure alla bancassurance.

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti
Loading...