politica e finanza

Spread, ecco quanto è cresciuto nel primo anno di governo Lega-M5S


default onloading pic

2' di lettura

Nel primo anno di governo Lega-Cinque stelle, lo spread è tornato in fibrillazione. Anzi, da prima del governo: il 16 maggio 2018, con due settimane di anticipo sull'insediamento dell'esecutivo Conte (1 giugno), la pubblicazione del “contratto del cambiamento” sull'Huffington Post ha fatto schizzare all'insù l'indicatore di 30 punti base. Un nervosismo che ha poi coinciso con la pubblicazione del cosiddetto Piano B per l'uscita dall'euro del futuro presidente Consob Paolo Savona: 303 punti il 29 maggio, negli ultimi giorni di trattative prima della formazione del governo Conte. Gli animi si sono calmati con l'entrata in carica dell'esecutivo, ma la tregua è durata poco.

L'ANDAMENTO DELLO SPREAD DA INIZIO 2018

L'ostilità della maggioranza gialloverde ai parametri Ue, a partire dai criteri di Maastricht, ha scatenato turbolenze sui listini e fatto crescere il rendimento dei nostri titoli di Stato. Le principali fiammate sono coincise con scontri politici Roma-Bruxelles o dichiarazioni di singoli esponenti dell'esecutivo. Il momento più caldo si è toccato fra ottobre e novembre, con il braccio di ferro fra il governo e la Commissione europea per l'approvazione di una manovra che minacciava di sfondare i vincoli di bilancio. Il 20 novembre, alla vigilia della bocciatura di Bruxelles della «manovra del popolo», il differenziale Btp-Bund vola fino ai 326 punti basi.

Un altro momento di distensione dopo l'accordo, per poi tornare occasionalmente a livelli d'allarme “grazie” alle tensioni con l'establishment comunitario. Il 7 maggio la Commissione boccia di fatto i conti italiani, proiettando il paese a una micro-crescita dello 0,1% nel 2019 L'ultima crisi si è consumata quando Salvini ha dichiarato che «si deve» sfondare il tetto del 3% sul deficit imposto dai parametri di Maastricht, facendo lievitare il differenziale a 290 punti base.

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti