I fondi del Pnrr

Sprint sui fondi per la ricerca: arrivano 4 bandi da 4,4 miliardi

Oltre all’avviso da 1,6 miliardi sui Centri nazionali al traguardo anche i due sulle Infrastrutture oltre a quello sugli Ecosistemi di innovazione

di Redazione Scuola

(xyz+ - stock.adobe.com)

3' di lettura

Ammontano a 4,48 miliardi di euro le risorse complessive che il ministero dell'Università e della Ricerca ha stanziato con la pubblicazione dei primi bandi per l'attuazione della parte del Piano nazionale di ripresa e resilienza dedicata alla ricerca di filiera. Il primo ( e più cospicuo) bando è da 1,6 miliardi di euro e riguarda la presentazione di proposte per la creazione di 5 Centri Nazionali dedicati alla ricerca di frontiera relativa ad ambiti tecnologici intorno alle seguenti tematiche: Simulazioni, calcolo e analisi dei dati ad alte prestazioni, Tecnologie dell'Agricoltura (Agritech), Sviluppo di terapia genica e farmaci con tecnologia a Rna e Mobilità sostenibile, Bio-diversità. È quanto si legge in un comunicato del Ministero dell’Università e della Ricerca.

I Centri nazionali di innovazione

I Centri nazionali - che dovranno essere organizzati con una struttura di governance di tipo Hub & Spoke, con l'Hub che svolgerà attività di gestione e coordinamento e gli Spoke quelle di ricerca - sono aggregazioni di università statali ed enti di ricerca (su cui si veda Il Sole 24Ore del 27 dicembre scorso) vigilati dal ministero dell'università e della ricerca e possono prevedere il coinvolgimento di università non statali, altri enti pubblici di ricerca e di altri soggetti pubblici o privati, altamente qualificati che svolgono attività di ricerca.Questi centri - per i quali si prevede un finanziamento tra 200 e 400 milioni di euro ciascuno - saranno finalizzati alla creazione e/o al rinnovamento di infrastrutture e laboratori di ricerca, alla realizzazione e allo sviluppo di programmi e attività di ricerca, a favorire la nascita e la crescita di iniziative imprenditoriali a più elevato contenuto tecnologico come start-up e spin off da ricerca, e alla valorizzazione dei risultati della ricerca, sottolineano dal ministero.

Loading...

Le infrastrutture di ricerca

Sono stati poi pubblicati l'avviso pubblico per «la presentazione di proposte progettuali per il rafforzamento e la creazione di Infrastrutture di ricerca», con lo stanziamento di 1,08 miliardi di euro, e il bando per «la concessione di finanziamenti destinati alla realizzazione o ammodernamento di Infrastrutture tecnologiche di innovazione», che prevede lo stanziamento di 500 milioni di euro. Attraverso questi due bandi, il Mur finanzia complessivamente almeno 30 Infrastrutture: 20 Infrastrutture di ricerca, ovvero impianti, risorse e relativi servizi usati dalla comunità scientifica per compiere ricerche in più discipline, un importante elemento di competitività della ricerca nazionale ed europea, e almeno 10 Infrastrutture tecnologiche di innovazione con l'obiettivo di favorire una stretta integrazione tra imprese e mondo della ricerca e dell'innovazione per sostenere, accelerare e qualificare la crescita economica del Paese.

Gli ecosistemi di innovazione

L'ultimo bando pubblicato dal Mur si rivolge alla creazione e al rafforzamento di “Ecosistemi dell’innovazione territoriali”, con un investimento di 1,3 miliardi di euro. Gli Ecosistemi - per i quali si prevede un finanziamento tra 90 e 120 milioni di euro ciascuno - sono reti di università statali e non statali, enti pubblici di ricerca, enti pubblici territoriali, altri soggetti pubblici e privati altamente qualificati e internazionalmente riconosciuti, e intervengono su aree di specializzazione tecnologica coerenti con le vocazioni industriali e di ricerca del territorio di riferimento. Gli Ecosistemi hanno l'obiettivo di agevolare il trasferimento tecnologico e accelerare la trasformazione digitale dei processi produttivi delle imprese. Verranno così finanziate attività di ricerca applicata, di formazione per ridurre il disallineamento tra le competenze richieste dalle imprese e quelle offerte dalle università, la valorizzazione dei risultati della ricerca con il loro trasferimento all'impresa, il supporto alla nascita e sviluppo di start-up e spin off da ricerca, promuovendo le attività e i servizi di incubazione e di fondi venture capital.

Scuola, tutti gli approfondimenti

La newsletter di Scuola+

Professionisti, dirigenti, docenti e non docenti, amministratori pubblici, operatori ma anche studenti e le loro famiglie possono informarsi attraverso Scuola+, la newsletter settimanale de Il Sole 24 Ore che mette al centro del sistema d'istruzione i suoi reali fruitori. La ricevi, ogni lunedì nel tuo inbox. Ecco come abbonarsi

Le guide e i data base

Come scegliere l’Università e i master? Ecco le guide a disposizione degli abbonati a Scuola+ o a 24+. Qui la guida all’università con le lauree del futuro e il database con tutti i corsi di laura

Lo speciale ITS

Il viaggio del Sole 24 Ore negli Its per scoprire come intrecciare al meglio la formazione con le opportunità di lavoro nei distretti produttivi delle eccellenze del made in Italy. Tutti i servizi

Riproduzione riservata ©

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter Scuola+

La newsletter premium dedicata al mondo della scuola con approfondimenti normativi, analisi e guide operative

Abbonati