ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùTech

Sprint tecnologici in Europa in scia alla Cina, a Milano svetta St

Piacciono i segnali arrivati da Pechino per dare supporto e stabilità all’economia cinese e i progressi nel dialogo con Washington sulle regole per le società cinesi quotate negli Usa

di Stefania Arcudi

(IMAGOECONOMICA)

2' di lettura

(Il Sole 24 Ore Radiocor) - In una seduta brillante per i tecnologici europei, in scia a rialzi del Nasdaq (+2,92% martedì a Wall Street), Stmicroelectronics svetta a Piazza Affari, con un rialzo arrivato anche vicino a sei punti percentuali, facendo nettamente meglio del FTSE MIB. A spingere il comparto (+4,6% l'Euro Stoxx 600 di settore) è in particolare l’exploit dei tecnologici asiatici, con l'indice tech cinese che ha guadagnato il 20%, un rialzo record, e i colossi quotati negli Stati Uniti che volano a Wall Street (brillano Alibaba, Baidu e Didi Global). Piacciono in particolare i segnali arrivati da Pechino, con il Governo determinato a dare supporto e stabilità all’economia cinese, messa sotto pressione da alta inflazione, Covid-19 e ricadute della guerra in Ucraina, ma piacciono anche i progressi nel dialogo con Washington sulle regole per le società cinesi quotate negli Stati Uniti.

Così, mentre ad Amsterdam Asml e Be Semiconductor salgono fino a 6 punti e a Francoforte Infineon Technologies è in rally, St balza a Milano e a Parigi. A dare ulteriore slancio sono le notizie su Intel, che avvierà la prima fase dei piani per investire fino a 80 miliardi di euro nell'Unione europea nel prossimo decennio, di cui 33 miliardi nel prossimo futuro lungo l'intera catena del valore dei semiconduttori - dalla ricerca e sviluppo (R&S) alla produzione fino alle tecnologie di packaging all'avanguardia. Tra le altre cose, sono previsti investimenti in Italia fino a 4,5 miliardi di euro in un impianto di produzione backend all'avanguardia con operazioni da iniziare tra il 2025 e il 2027. Questo sarebbe in aggiunta all'innovazione della fonderia e alle opportunità di crescita che Intel prevede di perseguire in Italia sulla base della sua prevista acquisizione di Tower Semiconductor che ha una partnership significativa con St.

Loading...

«Nel complesso vediamo la notizia supportive per la partnership di St con Tower e soprattutto per le aziende che forniscono macchinari per la produzione di semiconduttori», sottolineano gli analisti di Equita. Da segnalare infine che sono parzialmente riprese le attività in Cina della taiwanese Foxonn, che lavora con Apple, tra i maggiori clienti di St, e che si era fermata a causa del picco di casi di Covid-19.

Riproduzione riservata ©

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti