ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùMaterie prime

Sprint dei titoli oil in Borsa dopo lo stop Ue al petrolio russo

Il Consiglio europeo ha stabilito il blocco del 90% delle importazioni

di Paolo Paronetto

(Mint Images)

1' di lettura

(Il Sole 24 Ore Radiocor Plus) - L'accordo tra i leader europei per l'embargo parziale delle importazioni di petrolio russo spinge al rialzo il prezzo del greggio e di conseguenza quello dei titoli del comparto oil europeo. Il sottoindice Stoxx energia mette a segno la migliore prestazione di giornata a livello continentale guadagnando oltre un punto percentuale. Il Consiglio europei ha stabilito di inserire nel sesto pacchetto di sanzioni contro la Russia il blocco del 90% delle importazioni europee nel 2022, che l'esclusione temporanea di quelle via oleodotto.

Gli analisti di Equita sottolineano che la decisione potrà «avere risvolti positivi per i margini di raffinazione in Europa in quanto alle raffinerie che beneficiano di un Ural a sconto nei confronti del Brent (ad esempio in Ungheria) non sarà permesso di esportare verso il resto del continente». Il prezzo del petrolio, intanto, si avvia a chiudere in rialzo il sesto mese consecutivo, con il Wti per luglio che sale a 119 dollari al barile, mentre l'analogo contratto sul Brent è a 123,5 dollari. A Piazza Affari gli acquisti spingono così Saras, Eni e sostengono Saipem, mentre nel resto d'Europa si mettono in luce Total a Parigi, Repsol e Bp.

Loading...
Riproduzione riservata ©

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti