via libera «condizionato»

Stadio Roma, sì della Raggi. «Cantieri anche entro l’anno»


default onloading pic
(12386)

1' di lettura

«Lo stadio si fa. I promotori potranno aprire i cantieri anche entro l'anno, se vogliono». Così la sindaca di Roma Virginia Raggi presentando il parere del Politecnico di Torino sull’infrastruttura al centro in passato di un controverso percorso di approvazione.

Sulla linea ferroviaria urbana Roma-Lido «stiamo lavorando con la Regione Lazio, che ha già 180 milioni per potenziare la linea, ai quali si aggiungeranno 40 milioni di Roma Capitale». Questa mattina in Campidoglio la presentazione dei contenuti dello studio commissionato al Politecnico di Torino per valutare l'impatto sulla mobilità prodotto dal nuovo quartiere con lo stadio della Roma da realizzare a Tor di Valle. «Oggi pomeriggio ci sono riunioni tecniche tra amministrazione e proponenti», ha aggiunto la prima cittadina in merito allo sviluppo della vicenda.

Per Bruno Dalla Chiara, docente del Politecnico di Torino autore dell’analisi, il sì allo stadio è «un sì condizionato». Cioè lo stadio «va bene, ma prima vanno realizzate politiche che portino a un'offerta di mobilità plurimodale, che si aggiunga alla mobilità privata». Il vicepremier e ministro dell'Interno Matteo saluta la notizia con soddisfazione. «Buona notizia per Roma e per tutti gli sportivi italiani. C'è assoluto bisogno di stadi nuovi, moderni e sicuri. Finalmente un'area degradata della città tornerà a vivere».

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti
Loading...