promozione in usa

«Stay at home and #cook italian»: video ricette delle star per sostenere il made in Italy

L’Ambasciata d’Italia a Washington lancia la campagna con undici video ricette di chef e nomi noti della ristorazione per sostenere l’export

di Ri.Ba.

default onloading pic
«Stai a casa e cucina italiano» è la campagna promozionale per promuovere il made in Italyin Usa in tempi di lockdown

L’Ambasciata d’Italia a Washington lancia la campagna con undici video ricette di chef e nomi noti della ristorazione per sostenere l’export


3' di lettura

In un momento in cui italiani e americani sono chiamati a restare a casa per contenere il rischio di contagio da Covid-19, l’Ambasciata d’Italia a Washington, assieme ai 9 Consolati italiani negli Stati Uniti e alla rete di uffici Ice, ha lanciato la campagna «Stay at home and #cookitalian» per sostenere l’export del settore agroalimentare made in Italy negli Usa, attraverso la promozione dell’utilizzo di prodotti originali italiani in cucina.

Chef e nomi noti della ristorazione italiana di diversi stati, ma anche personalità del mondo dello spettacolo e della cultura hanno aderito entusiasticamente alla campagna Stay at home and #cookItalian.
A partire dal 4 maggio l’Ambasciata d’Italia a Washington e i Consolati pubblicheranno sulle loro pagine Facebook 11 video preparati “in casa” da altrettante personalità italiane e italo-americane con le loro ricette preferite.
Ricette volutamente semplici, che si possono agevolmente riprodurre a casa, utilizzando prodotti originali italiani facilmente reperibili sul mercato americano. Abbinando naturalmente i piatti ad un classico vino italiano. Ma nella tradizione della vera e autentica cucina italiana.

Al primo video, pubblicato sulla pagina Facebook dell’Ambasciata e presentato da Lidia Bastianich, star televisiva e autrice di apprezzati libri di cucina, faranno seguito quelli di Mario Rizzotti esperto culinario e giudice televisivo di Chicago, Marisa Iocco proprietaria del ristorante Spiga e unica executive chef italiana di Boston, Giancarlo Ferrara chef e proprietario del ristorante Amalfi di Houston, Giada De Laurentiis da Los Angeles, star televisiva e proprietaria di numerosi ristoranti negli Usa, Luciano del Signore chef e proprietario dei ristoranti Bacco, Bigalora e Pernoi, punti di riferimento per la cucina italiana a Detroit, Giorgio Rapicavoli chef e proprietario di ristoranti al centro della scena gastronomica di Miami come Eating House e Glass & Wine, Stefano Secchi chef del ristorante Rezdôra a New York e Danilo D’Eugenio e Monica Fenocchio chef e proprietari di DaMo’ Pasta Lab a Philadelphia.

Ognuno di loro ha presentato una ricetta riflesso della propria storia personale e di una lunga tradizione culinaria, unita ad un approccio creativo con ingredienti unici. L’ultimo video vedrà il contributo “a sorpresa” di Isabella Rossellini, figura iconica della scena culturale italiana negli Usa, che presenterà una sua ricetta con un tocco familiare.

Le esportazioni del settore agro-alimentare costituiscono una voce fondamentale del nostro export verso gli Stati Uniti. Nel 2019 le vendite di settore hanno raggiunto 5,4 miliardi di dollari, il 9,4% del totale del nostro export verso gli Stati Uniti (di cui 1,96 miliardi costituiti da vino) con prodotti molto amati come olio d’oliva, formaggi, pasta, acque minerali, caffè, aceto e alcolici.

Un dato che è stato in costante crescita, sia in termini quantitativi che di valore complessivo, e che per via della crisi del Covid-19 e della chiusura dei ristoranti e del canale Ho.Re.Ca, rischia di subire un rallentamento, solo parzialmente compensato dall’aumento che si registra nelle vendite di supermercati e negozi online.

«Sostenere e incentivare il consumo di prodotti originali italiani in questa fase di difficoltà per i nostri produttori è un imperativo», ha sottolineato l’Ambasciatore Armando Varricchio. «Abbiamo deciso di farlo nel modo più pratico e con testimonial molto seguiti: stimolando il pubblico americano a sperimentare ricette facili con prodotti italiani che si trovano nella maggior parte dei negozi e online».

La campagna è anche stata un’occasione per ribadire che i prodotti alimentari italiani non presentano – come certificato da Usda e Efsa – alcun rischio di carattere sanitario derivante dal Covid-19. Dop e Igt (e non solo) sono sinonimo di eccellenza, qualità e tradizione ma anche facili da preparare e gustare a casa propria.

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti
Loading...