auto

Stellantis, risultati «forti» nel 2020 e un miliardo agli azionisti. Nuovo piano a fine anno. «Innovatori, non dinosauri»

Margini in positivo per Fca e Psa, con un quarto trimestre record per la casa italo-americana. Il ceo Tavares: «Stellantis debutta in alto ed è pienamente concentrata sul raggiungimento delle sinergie preannunciate»

di Alberto Annicchiarico

4' di lettura

«È un momento commovente per me e sono sicuro anche per Mike» Manley, ad di Fca, «perché presentiamo gli ultimi risultati finanziari di Fca e Psa. Ma siamo felici di essere qui entrambi con voi per dare il calcio di inizio oggi a Stellantis. Iniziamo un nuovo eccitante capitolo». Così il ceo di Stellantis, Carlos Tavares, inaugurando la presentazione dei risultati finanziari del gruppo per il 2020.

Risultati definiti «forti» nel 2020 nonostante la pandemia e, guardando al futuro, una data approssimativa per il nuovo piano, nel Capital markets day previsto alla fine del 2021 o all’inizio del 2022. Per Fca e Psa, dal 16 gennaio insieme sotto il marchio Stellantis, margini in positivo con un quarto trimestre record per la casa italo-americana. Per Fca, quindi, Ebit adjusted a 3,7 miliardi e margine al 4,3%. Utile in pareggio ma nella versione adjusted a 1,9 miliardi.

Loading...

Psa margine operativo adjusted al 7%

Quanto a Psa utile operativo adjusted di gruppo a 3,685 miliardi, in calo del 41,7% e per la divisione automotive -33% a 3,377 miliardi. Ma per i francesi questo significa che è stata raggiunta una «elevata redditività, nonostante il Covid-19, con margine operativo adjusted delle attività auto al 7,1%», si legge nella nota. Utile netto di gruppo a 2,2 miliardi (in calo dai 3,5 del 2019), record nel secondo semestre per le attività Auto con margine operativo adjusted al 9,4%, un dato che Tavares ha fortemente sottolineato. Infine, posizione finanziaria netta delle attività Auto positiva per 13,2 miliardi e free cash flow a 2,6 miliardi.

Redditizi tutti i segmenti Fca

Riguardo al quarto trimestre record di Fca va registrato il record di gruppo e in Nord America, con un Ebit rettificato rispettivamente a 2,3 miliardi di euro e 2,2 miliardi e margini all’8,2% e all’11,6%. Free cash flow industriale a 3,9 miliardi. Certo i ricavi hanno risentito dell’anno pandemico, e non poteva essere diversamente: Fca ha realizzato nel 2020 ricavi pari a 86,6 miliardi, in calo del 20% rispetto all'anno precedente, quelli del gruppo Psa ammontano a 60,7 miliardi, il 18,7% in meno. «I risultati di Fca nel 2020 conti hanno subito un significativo impatto dal Covid, ma sono comunque forti», ha sottolineato Manley durante la conference call. «I conti del quarto trimestre riflettono meglio le capacità del gruppo». Il cfo di Fca Richard Palmer ha sottolineato che «tutti i segmenti del gruppo sono stati redditizi» e che «questo non accadeva dal 2018».

Aggregando i risultati delle due compagnie i ricavi sono a 134,4 miliardi, 5,9 milioni i veicoli venduti, utile operativo rettificati di 7,1 miliardi con un margine del 5,3%, free cash flow automotive di 3,3 miliardi e una posizione finanziaria netta di 17,8 miliardi.

«Vogliamo essere innovatori, non dinosauri dell’auto»

«Questi risultati - ha chiosato Tavares - dimostrano la solidità finanziaria di Stellantis, che nasce da due gruppi sani e forti. Stellantis debutta in alto ed è pienamente concentrata sul raggiungimento delle sinergie preannunciate. Non siamo una compagnia nata per fare fronte a una crisi, ma partiamo da un’ottima posizione per essere una boccata di aria fresca, per fare cose che lascino il segno, non intendiamo essere messi all’angolo ed essere considerati dei dinosauri dell’auto. Vogliamo essere disruptive e innovativi. E parlo, per esempio, anche del software». Ma anche di investimenti come quello recente in Archer Aviation, pioniere californiano della mobilità aerea urbana in cui hanno investito nomi come United Airlines, Mubadala Capital, Putnam Investments.

Stellantis si dimostra fiduciosa di battersi al meglio anche nel 2021, puntando a chiuderlo con un margine operativo adjusted al 5,5-7,5%, «assumendo che non vi siano lockdown significativi dovuti al Covid-19». Almeno questa è la guidance 2021 nella nota dei conti. Il raggiungimento di tale target è stato indicato in un quadro nel quale per il mercato dell'auto si prevede una crescita dell'8% in Nord America, del 20% in Sudamerica, del 10% in Europa, del 3% in Medio Oriente e Africa, del 3% in India e Asia Pacifico e del 5% in Cina.

Dividendo di un miliardo

Intanto il Consiglio di Amministrazione di Stellantis, in relazione all'Amendment al Combination Agreement dello scorso settembre ha approvato la distribuzione di 1 miliardo di euro agli azionisti, previa approvazione da parte dell'assemblea del 15 aprile prossimo.

Tre nuove Jeep in arrivo

Sul fronte dei nuovi modelli Il gruppo Stellantis lancerà nel 2021 tre nuove modelli Jeep in Nord America, di cui due in segmenti finora non presidiati e uno già presentato al mercato (la Grand Cherokee). I nuovi modelli rappresentano una delle priorità per raggiungere l'obiettivo di un margine operativo adjusted tra il 5,5 e il 7,5%.

Il premio di 3mila euro ai dipendenti Psa

Ai circa 50mila lavoratori di Psa Automobiles France sarà distribuito un premio di 3mila euro lordi per un controvalore complessivo di 430 milioni di euro. Lo ha annunciato Tavaris parlando con Franceinfo. «Voglio manifestare tutta la mia gratitudine, la mia ammirazione e voglio dire loro che si sono comportanti in maniera ammirevole», ha dichiarato il ceo rivolgendosi ai dipendenti di Psa. «È una notizia eccezionale. E i risultati del gruppo lo sono altrettanto, eccezionali. Fare un margine operativo di oltre il 7% in un contesto economico come quello attuale non era previsto», ha commentato Franck Don, delegato sindacale Cftc presso Psa.

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti