ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùAutomotive

Stellantis in rialzo, verso possibile accordo in Usa su emissioni

Secondo indiscrezioni stampa, la società potrebbe pagare tra 250 e 300 milioni, una somma considerata modesta dagli analisti

di Flavia Carletti

(REUTERS)

1' di lettura

(Il Sole 24 Ore Radiocor) - Stellantis si muove al rialzo in una giornata di acquisti per l'Europa, con il FTSE MIB a Piazza Affari in deciso progresso. La seduta è positiva per tutto il comparto auto europeo, con l'indice settoriale Stoxx 600 Auto in rialzo di circa un punto percentuale, mentre si guarda ai dati sulle immatricolazioni auto di ottobre. Aspettando quelle italiane, attese per domani, e quelle tedesche (primo mercato auto europeo), in Francia hanno evidenziato un calo del 30,7% con Stellantis che ha fatto peggio, segnando un -37,6%. Mercato auto negativo anche in Giappone, dove a ottobre le immatricolazioni sono scese del 30,2%. Sul comparto pesa la carenza di chip, che sta facendo rallentare la produzione e di conseguenza le consegne ai clienti finali.

Possibile sanzione di 250-300 milioni

In questo quadro, tuttavia, i titoli dell'auto oggi recuperano terreno con Stellantis che beneficia anche delle indiscrezioni stampa riportate sabato dal sito del Messaggero, secondo cui sembra vicino un accordo tra la società e il Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti nella controversia sulle emissioni che Fca ha in piedi dal 2015. La vicenda in questione riguarda circa 100mila veicoli con motore diesel venduti negli Usa. Secondo persone vicine al dossier la vicenda sarebbe vicina alla definizione e si ipotizza una multa fra i 250 e i 300 milioni. Per gli analisti di Equita, se questa cifra sarebbe confermata «si tratterebbe di un impatto modesto, pari a meno dell'1% dell'attuale market cap» di Stellantis, quando Volkswagen aveva pagato oltre 2 miliardi di dollari.

Loading...


Riproduzione riservata ©

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti