il polo dell'auto. i modelli

Stellantis, tante auto elettriche già in vendita e molte in arrivo

Dal matrimonio tra Fca e Psa ampie possibilità per la condivisione di piattaforme di ultima generazione che permettono di costruire vetture in ogni segmento

di Mario Cianflone

Opel Mokka-e

3' di lettura

Una galassia di ben 14 marchi, da quelli generalisti e popolari a quelli premium e specializzati ai brand di lusso con una copertura globale e regionale. Il tutto legato da un comune denominatore: l’elettrificazione con modelli 100% a batteria e ibridi anche plug-in.

È questo l’asse portante di Stellantis, il nuovo megagruppo automotive che fonde Psa e Fca integrando cosi brand iconici e globali come Jeep a case europee di grande blasone come Peugeot, Citroën ed Opel e comprendendo marchi che hanno fatto la storia dell’auto: Alfa Romeo, Fiat e Maserati.

Loading...

Fiat nuova 500. La nuova Fiat 500 elettrica è il primo modello progettato per essere esclusivamente a zero emissioni. Spinta da un powertrain da 118 cavalli alimentato da una batteria agli ioni di litio da 42 kWh, assicura un'autonomia di 320 chilometri. La 500 elettrica si ricarica in 4 ore utilizzando una wallbox da 11 kW

E non mancano case importante, ormai legate a mercati locali, come Lancia, oppure marchi recenti come DS che cercano di recuperare il retaggio del lusso alla francese. E poi, sul versante atlantico, oltre a Jeep, ci sono Chrysler Dodge e Ram (e quest’ultimo specializzata in pick-up è un assett fondamentale, insieme alla divisione componenti Mopar). Insomma, Stellantis parte con un portafogli piuttosto ricco di marchi, prodotti e tecnologie, soprattutto per l’auto elettrica e quella ibride. Il megagruppo infatti, grazie ai modelli di Psa (Peugeot, Opel, Ds, e Citroën ) già in vendita quelli in via di lancio in questi giorni appare essere diventato un prim’attore dell’auto alla spina in grado di sfidare apertamente il gruppo Volkswagen che sul piatto Bev (Battery electric vehicle) ha messo oltre 70 miliardi di euro. Sono in fatti 7 i modelli full electric della gamma 2021 (alcuni in vendita da mesi): Peugeot 2008, 208, Opel Corsa, Ds3 Crossback e-tense, Nonché le debuttanti Citroën ë-C4 e Opel Mokka. Si tratta di vetture basate sulla piattaforma Cmp che, battezzata non a caso Multyenergy, permette di costruire vetture termiche ed elettriche, migliorando le economie di scala.

Peugeot 2008. Realizzata sulla piattaforma modulare Cmp, la Peugeot 2008 è proposta in versione benzina, diesel e 100% elettrica con guida autonoma di livello 2. “Cugina” della nuova Opel Mokka, la 2008 condividerà la piattaforma multi-energia con i futuri suv compatti Alfa Romeo Brennero e Jeep costruiti in Polonia

Su questa architettura francese (co-sviluppata con i soci cinesi di Dongfeng) vedremo i primi modelli ex Fca con il nuovo Dna del gruppo. A Tichy in Polonia dove nascono Fiat 500 e Ypsilon stanno allestendo le linee per tre modelli: l’erede della Fiat Punto, il suv c compatto Alfa Romeo, finora noto come Brennero e la baby-Renegade di Jeep. la condivisione di piattataforme e tecnologie permette ai brand Fca (di notevole e immagine e riconscibilità come Jeep o Alfa) di recuperare terreno sul fronte delle tecnologie. Un mondo a parte è la Nuova Fiat 500 Elettrica basata su un pianale nuovo che potrebbe essere utilizzato anche in nuovi modelli del gruppo. Al momento i marchi ex Psa sfruttano anche la piattaforma modulare Emp2 per i modelli di taglia più grande (Peugeot 3008/5008 per esempio) con powertrain tradizionali e anche ibridi plug-in.

Jeep Grand Wagooner. Un nuovo modello per puntare al segmento dei suv premium a sfidare rivali come Audi e Mercedes. Anticipata dalla concept car Grand Wagooner, apre la strada alla visione di “American Premium” e porta al debutto nuovi interni iper connessi e ricchi di schermi. Attesa nel corso del 2021, arriverà in due versioni

Ma l’asso manica nella manica si chiama eVmp ed è un piattaforma 100% elettrica, sviluppata da Psa e data in dote a Stellantis. Dal 2023 sorreggerà i modelli a ioni di litio modelli medi e grandi. La strategia del Ceo Tavares è dunque basata sul due/tre piattaforme per i modelli di massa (per abbattere tempi e costi di sviluppo) , mentre il fronte premium ci sono le architetture Maserati di nuova generazione per vetture elettriche (il tridente è destinata a diventare la punta di diamante dell’e-tech) e quelle elettrificate, nonché l’evoluzione della piattaforma “Giorgio” usata per Alfa Giulia e Stelvio. Per Jeep, marchio iconico Usa, c’è in serbo anche un salto verso l’alto con i nuovi suv Wagoneer e Grand Wagoneer che puntano a sfidare Audi Bmw, Mercedes. Anche qui la parola d’ordine è elettrificazione abbinata a sistemi di guida assistita.

Maserati MC20. La nuova sportiva rappresenta il primo tassello della nuova era del tridente, composta da modelli inediti e un elenco di novità mai viste in passato frutto di un investimento di 2.5 miliardi di euro. Il marchio modenese sarà la punta di diamante del gruppo Stellantis, in materia di supercar e auto elettriche (Folgore) ad alte prestazioni

Riproduzione riservata ©

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti