ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùSemiconduttori

Stmicroelectronics attende i conti, previsto I trimestre positivo

A dicembre, l'ad Chery aveva anticipato per i tre mesi a marzo ricavi per 3,5 miliardi di dollari, in rialzo del 16,1% anno su anno

di Stefania Arcudi

(IMAGOECONOMICA)

2' di lettura

(Il Sole 24 Ore Radiocor) - In una seduta di cauti rialzi a Piazza Affari (FTSE MIB), Stmicroelectronics si muove all'insegna della cautela alla vigilia dei conti del primo trimestre. La trimestrale dovrebbe evidenziare un rialzo dell'utile e del fatturato. A dicembre, l'amministratore delegato Jean-Marc Chery aveva anticipato per i tre mesi a marzo ricavi per 3,5 miliardi di dollari, in rialzo del 16,1% anno su anno (-1,6% rispetto ai tre mesi precedenti) con un margine lordo di circa il 45%. Per l'intero 2022, invece, la stima è per ricavi tra 14,8 15,3 miliardi di dollari.

L'outlook della società è sostanzialmente in linea con il consensus, che ha alzato le stime fatte tre mesi fa (ricavi per 3,24 miliardi di dollari) portandole a 3,51 miliardi, con un margine lordo del 41,5% e un Ebit di 769 milioni. «L'attuale contesto macro rimane difficile con l'inflazione e la carenza di materie prime, la recrudescenza della pandemia in Asia e la guerra in Ucraina. Le vendite di auto hanno continuato a scendere nel primo trimestre, tuttavia la migrazione verso veicoli EV e premium continua a innescare una forte domanda di semiconduttori. Gli smartphone sono scesi su base annua dell'11% contro il -3% circa del quarto trimestre, tuttavia la performance di Apple non è peggiorata, ancora a intorno al -3% anno su anno, come nel quarto trimestre», scrivono gli analisti di Banca Akros, secondo cui, considerando tutto questo «è possibile immaginare che il primo trimestre sia stato ancora un buon trimestre sulla base dello squilibrio tra domanda e offerta di chip».

Loading...

Tra l'altro, uscendo dal raggio di azione specifico di St, il comparto tecnologico è sotto i riflettori dopo che Twitter ha accettato la maxi offerta da 44 miliardi di dollari del fondatore di Tesla, Elon Musk. In realtà, l'operazione non è stata accolta con estremo entusiasmo dal mercato, anche perché non è ancora chiara la direzione che prenderà il social network (per esempio anche su temi occupazionali). Nel frattempo, tra l'altro, S&P Global Raings ha abbassato la valutazione su Twitter a BB+ con credit watch negativo, che «potrebbe risultare in un downgrade di diverse tacche sia della società sia del suo debito, una volta che l’acquisizione proposta sarà conclusa e sarà possibile valutare la struttura patrimoniale, la strategia operativa e la governance della società come entità privata».


Riproduzione riservata ©

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti