ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùReclutamento prof

Stop carta e penna, al concorso i calcoli si fanno a mente: è polemica. Ricorsi in arrivo

Protestano i partecipanti alla selezione per una cattedra in Chimica e scienze alle superiori, che hanno svolto le prove nei giorni scorsi: «Prova insuperabile»

di Redazione Scuola

2' di lettura

C'è chi ha fatto i calcoli sul braccio, molti sui banchi, chi ha usato la carta del cioccolatino che teneva appallottolata in tasca, chi ha tentato fino all'ultimo di fare i conti a mente, sentendosi alla fine stremato e non riuscendo comunque a superare la prova. Sono i partecipanti al concorso per una cattedra in chimica e scienze alle superiori che hanno svolto le prove nei giorni scorsi. Gli Uffici scolastici regionali di alcune regioni italiane - e tra l'altro con diverse modalità di applicazione, a seconda della sede di concorso anche all'interno della stessa regione - hanno vietato ai concorrenti l'utilizzo di carta e penna (solo della carta in alcuni casi) rifacendosi ad una circolare del ministero dell'istruzione che riguardava il concorso per le materie Stem che si è tenuto alcune settimane fa.

I casi

«Solo che per quel concorso le prove erano state effettivamente calibrate per poter lavorare senza utilizzo di carta e penna sebbene i candidati abbiano avuto molte difficoltà con le domande di fisica e informatica, ma insomma si poteva fare», spiega Laura, 27 anni che ha svolto le prove a Fiumicino, vicino Roma. Diverso il caso del concorso classe A 050 per insegnare chimica e scienze alle superiori. «Era una prova infattibile. Ho sentito una profonda umiliazione, ho fatto uno sforzo sovraumano e alla fine non ho passato la prova per tre domande - racconta Emanuela - c'erano diverse reazioni da calcolare ma senza un foglio non si poteva proprio fare, alla fine era veramente sfinita. E' impossibile tenere a mente il peso di un composto chimico, fare una serie di passaggi matematici e non sbagliare: mi sarebbe servita una calcolatrice, alla fine non riuscivo più a ragionare per la stanchezza».

Loading...

Solo l’1% ha superato la prova

La percentuale di chi ha superato la prova si aggirerebbe intorno all' 1%, raccontano i candidati che non ce l'hanno fatta. Una settantina si è già rivolto agli avvocati e ha presentato ricorso al Tar per disparità di trattamento e sottolineando che quegli esercizi non potevano essere svolti senza carta e penna. «Abbiamo saputo che invece al concorso A 034, per insegnare chimica negli istituti tecnici, e al quale potevano partecipare solo i candidati laureati in chimica, i calcoli da fare erano basilari», aggiunge un altro concorrente. «E questo fa ancora più male. Molti di noi si preparano da anni e le condizioni di partecipazione devono essere uguali, altrimenti è una grave lesione dei diritti», conclude.

Scuola, tutti gli approfondimenti

La newsletter di Scuola+

Professionisti, dirigenti, docenti e non docenti, amministratori pubblici, operatori ma anche studenti e le loro famiglie possono informarsi attraverso Scuola+, la newsletter settimanale de Il Sole 24 Ore che mette al centro del sistema d'istruzione i suoi reali fruitori. La ricevi, ogni lunedì nel tuo inbox. Ecco come abbonarsi

Le guide e i data base

Come scegliere l’Università e i master? Ecco le guide a disposizione degli abbonati a Scuola+ o a 24+. Qui la guida all’università con le lauree del futuro e il database con tutti i corsi di laura

Lo speciale ITS

Il viaggio del Sole 24 Ore negli Its per scoprire come intrecciare al meglio la formazione con le opportunità di lavoro nei distretti produttivi delle eccellenze del made in Italy. Tutti i servizi

Riproduzione riservata ©

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter Scuola+

La newsletter premium dedicata al mondo della scuola con approfondimenti normativi, analisi e guide operative

Abbonati