media

Storico accordo Mediaset-Sky: Premium sul satellite, la tv di Murdoch sul digitale terrestre

di Andrea Biondi


3' di lettura

Un accordo a suo modo storico, che suggella una pace di cui tanto si è discusso e che a più riprese sembrava vicina fra gli eterni rivali dell’ultimo ventennio di Tv. Sky e Mediaset hanno comunicato una duplice intesa che se da una parte sembra mettere fine ad anni di tensioni e turbolenze, dall’altra apre una nuova fase per la Tv. Quello annunciato è un duplice accordo commerciale ma dalla forte valenza strategica e in cui rientra anche l’apertura alla possibilità che parte delle attività di Premium, possano passare a Sky. La qual cosa avverrebbe fra novembre e dicembre 2018 se Mediaset decidesse di vendere, rimanendo solo editore di Mediaset Premium. Necessari, nel caso in cui tutto ciò avvenisse, i placet di Agcom e Antitrust.

Andando con ordine, grazie a un primo accordo relativo ai contenuti, 5 canali di cinema e 4 canali di serie tv attualmente disponibili solo su Mediaset Premium, saranno visibili a tutti gli abbonati Sky via satellite senza nessun costo aggiuntivo. In questo modo per Sky va ad aumentare la library. Dall’altra parte anche 3-4 canali Sky entreranno a far parte dell’offerta di Premium con Mediaset che, dall’altra parte, con questa mossa finirà per aver valorizzato contenuti e asset, a testimonianza della virata strategica di Premium come da piano “Mediaset 2020”: piattaforma aperta a tutti i player che agisce in maniera opportunistica.

Nel dettaglio gli abbonati Sky al pacchetto Cinema vedranno quindi - in aggiunta ai 12 canali Hd targati Sky – “Premium Cinema” e “Premium Cinema +24”, con ancora più anteprime e blockbuster hollywoodiani, “Premium Cinema Energy”, dedicato al cinema d'azione, al brivido e all’horror, “Premium Cinema Emotion”, con le commedie romantiche e le storie più emozionanti, “Premium Cinema Comedy”, interamente dedicato alla commedia e al divertimento, dai cult italiani ai film comici di maggior successo.

Secondo accordo: Sky Italia lancerà un’offerta a pagamento anche sul digitale terrestre, sfruttando la piafttaforma Premium e affittando banda sui multiplex gestiti dalla società Ei Towers del Gruppo Mediaset. Grazie a questo, a partire dal 1° giugno 2018, grazie alla capacità trasmissiva messa a disposizione dal gruppo Mediaset, Sky creerà così una sua offerta televisiva a pagamento in digitale terrestre che combinerà una selezione dei canali Sky e Fox con i 9 canali targati Mediaset, 5 di cinema e 4 di serie tv, che contemporaneamente andranno ad arricchire l'offerta via satellite. A questo pacchetto di canali di cinema, serie tv e intrattenimento, si potrà aggiungere anche un altro pacchetto dedicato allo sport che includerà una selezione dei grandi eventi sportivi di Sky, anche in Alta Definizione.

L’accordo comunicato segue di un giorno l’intesa fra Sky e Open Fiber per portare i contenuti Sky sulla fibra.

In questo quadro però l’intesa fra Sky e Mediaset apre alla possibilità che possa passare di mano gran parte della piattaforma Premium a Sky. Insomma, tutta la parte tecnica, che verrebbe scorporata in una newco, con Mediaset che rimarrebbe solo editore. La cosa è resa possibile dall’opzione lasciata a Mediaset di vendere e all’obbligo, in tal caso, da parte di Sky di comprare. Che questo possa essere il preludio per la cessione di Premium potrà dirlo solo il tempo, anche perché la decisione Mediaset potrà prenderla nei prossimi mesi.

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti