La protesta

Studenti e personale della scuola in piazza per lo sciopero generale: «Adesso basta»

Contestazione promossa dai sindacati confederali e di base, a eccezione della Cisl scuola. Fra le rivendicazioni, stabilizzazione dei precari e aumento salariale a tre cifre

di Redazione Scuola

(LaPresse)

2' di lettura

Insegnanti e studenti in piazza il 10 dicembre in diverse città italiane per dire con forza: «Adesso basta». Da Roma a Cagliari, passando per Torino, si sono svolte manifestazioni nel giorno dello sciopero generale della scuola, indetto dai sindacati confederali e di base, a eccezione della Cisl scuola. Il corteo principale si è svolto nella capitale dove centinaia di docenti e gruppi di ragazzi hanno sfilato sulle note di “Bella Ciao” da Porta San Paolo al Miur dietro un striscione con su scritto «La scuola si ribella». «Oggi siamo scesi in piazza al fianco al personale scolastico convocato da numerose sigle sindacali» ha sottolineato Luca Redolfi, coordinatore nazionale dell'Unione degli Studenti. «Lo scorso 19 novembre le mobilitazioni studentesche hanno attraversato tutto il Paese rivendicando un cambio di passo radicale della scuola - ha aggiunto -. Siamo a fianco di tutto il personale della scuola a gridare che urge cambiare rotta e ripensare un altro modello di scuola, differente per tutte le componenti sociali che lo vivono».

Flc-Cgil: «Atto di libertà»

E dal corteo di Roma il segretario della Flc Cgil, Francesco Sinopoli ha sottolineato: «Avevamo detto che ci saremmo ripresi le piazze. Oggi ci siamo quasi tutti. A quel grande sindacato che non c'è dico: lo sciopero è un atto di libertà. Noi siamo qui perché è giusto farlo». E ha poi aggiunto: «Le democrazie muoiono se non si sciopera, se non c'è protesta. Questo è uno strumento per cambiare il Paese». E a Cagliari, nonostante la pioggia battente, circa duecento persone con trombette, striscioni e cartelli si sono radunate in piazza dei Centomila.

Loading...

Uil: «Non si può fare la scuola a costo zero»

«Non si può fare la scuola a costo zero - ha detto al microfono Giuseppe Corrias, della Uil - basta con i tagli. Per i docenti gli aumenti non devono essere un'elemosina: meritano almeno duecento euro in più al mese». Pullman e presenze da tutta l'isola. «Ci siamo svegliati prima dell'alba - ha spiegato un insegnante di Nuoro - nonostante il maltempo siamo qui perché è troppo importante far sentire la nostra voce». Parole accolte dagli applausi. Mentre a Torino i lavoratori della scuola hanno organizzato un presidio davanti all'Ufficio regionale. «Sciopero per la dignità dei lavoratori e delle lavoratrici» uno dei cartelli esposti.

Le richieste

La protesta, che anticipa e si inserisce nel quadro della mobilitazione che ha portato alla proclamazione da parte di Cgil e Uil dello sciopero generale del 16 dicembre, si chiedono più fondi in Manovra per il settore. Fra le rivendicazioni dei sindacati, percorsi riservati per la stabilizzazione dei precari con tre anni di servizio, aumento salariale a tre cifre, abolizione dei vincoli sui trasferimenti del personale, riduzione del numero di alunni per classe e concorsi per Dsga (direttore dei servizi generali e amministrativi).

Scuola, tutti gli approfondimenti

La newsletter di Scuola+

Professionisti, dirigenti, docenti e non docenti, amministratori pubblici, operatori ma anche studenti e le loro famiglie possono informarsi attraverso Scuola+, la newsletter settimanale de Il Sole 24 Ore che mette al centro del sistema d'istruzione i suoi reali fruitori. La ricevi, ogni lunedì nel tuo inbox. Ecco come abbonarsi

Le guide e i data base

Come scegliere l’Università e i master? Ecco le guide a disposizione degli abbonati a Scuola+ o a 24+. Qui la guida all’università con le lauree del futuro e il database con tutti i corsi di laura

Lo speciale ITS

Il viaggio del Sole 24 Ore negli Its per scoprire come intrecciare al meglio la formazione con le opportunità di lavoro nei distretti produttivi delle eccellenze del made in Italy. Tutti i servizi

Riproduzione riservata ©

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter Scuola+

La newsletter premium dedicata al mondo della scuola con approfondimenti normativi, analisi e guide operative

Abbonati