QUOTAZIONE ARTISTI

Studio Azzurro: in preparazione il catalogo ragionato delle opere

di Maria Adelaide Marchesoni


2' di lettura

Nuovi orizzonti. Conosciuto più in ambito internazionale che nazionale Studio Azzurro , pioniere della multimedialità creativa, è stato sempre ai margini del sistema dell'arte contemporanea, senza una galleria di riferimento. Recentemente ha iniziato un nuovo percorso che porterà alla redazione di un catalogo ragionato delle opere. Insieme a Davide Giannella, curatore indipendente, è stata avviata la ricostruzione di oltre quarant'anni di produzione artistica con un duplice obiettivo, da un lato un processo di storicizzazione dei contenuti e dall'altro una selezione, per efficacia e sostenibilità produttiva, di una serie di opere e progetti destinati alla commercializzazione. L'archivio di Studio Azzurro comprende circa 200 opere realizzate, di cui 77 hanno un valore artistico e di ricerca particolarmente significativo per la storia del collettivo.

Studio Azzurro: in preparazione il catalogo ragionato delle opere

Studio Azzurro: in preparazione il catalogo ragionato delle opere

Photogallery7 foto

Visualizza

Carriera e pratica artistica. Fondato nel 1979 a Milano da Fabio Cirifino, Paolo Rosa (1949-2013) e Leonardo Sangiorgi, Studio Azzurro ha esplorato le possibilità poetiche ed espressive delle nuove culture tecnologiche. A loro si aggiunge, dal 1995 al 2011, Stefano Roveda, esperto di sistemi interattivi. “Studio Azzurro è come un “laboratorio di ricerca” nel campo dell'immagine prima analogica e ora digitale che usa lo strumento della “poesia” come principale mezzo d'indagine. Scoprendo e verificando se mezzi e tecnologie nati con altri scopi, possono avere in sé – in particolare quando utilizzati in modo non usuale – insospettate cariche comunicative, suggestive ed emozionali” dichiara Leonardo Sangiorgi. Oltre che in opere sperimentali, l'attività del gruppo si lega ad esperienze più divulgative come la progettazione di musei e di esposizioni tematiche. In entrambi i casi, ha tentato di costruire un contesto comunicativo che veda un'attiva e significativa partecipazione dello spettatore all'interno di un impianto narrativo, ispirato a una multitestualità e ad una continua oscillazione tra elementi reali e virtuali. Rilevante sulla scena della videoarte europea è stata la produzione, a partire dalle videoambientazioni degli anni Ottanta (”Luci di inganni”, “Il nuotatore”, “Veduta”, il ciclo “Osservazioni sulla natura”). L'invenzione di sistemi di immagini audiovisuali che si modificano al tocco esterno (passaggio di dita o di piedi, batter di mani, voci ecc.) risale agli anni Novanta. Nascono così grandi ambientazioni interattive: “Tavoli” (1995) “Totale della battaglia” (1996), “Il soffio sull'angelo” (1997). Nel 1996 è stata realizzata una videoinstallazione permanente nel Museo New Metropolis di Amsterdam de “Il giardino delle anime”.

Quotazioni. Studio Azzurro al momento non ha una galleria di riferimento. Il prezzo delle opere dipende dalla tecnologia utilizzata, dal tipo di produzione e può variare da 60.000 a 300.000 euro. Non ci sono passaggi in asta.

Archivio e riferimenti. Sul loro sito Studio Azzurro si trova una panoramica delle opere, delle pubblicazioni e dei videodocumenti.

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti
Loading...