alta orologeria

Successo a Dubai per il salone-evento organizzato da Lvmh

Le maison del gruppo – Bulgari, Hublot, Zenith e Tag Heuer - hanno presentato le rispettive novità e anticipato i piani per il 2020

di Paco Guarnaccia

default onloading pic
Da destra, il Big Bang Unico Integral di Hublot; il Serpenti Seduttori di Bulgari, tra i più famosi orologi-gioiello al mondo, nonché icona della maison; il Defy Midnight (letteralmente, «sfida la mezzanotte») di Zenith, rivolto anche al pubblico femminile

Le maison del gruppo – Bulgari, Hublot, Zenith e Tag Heuer - hanno presentato le rispettive novità e anticipato i piani per il 2020


4' di lettura

Per tre giorni i fari del mondo orologiero sono stati puntati su Dubai dove, dal 13 al 15 gennaio, si è svolta la prima Lvmh Watch Week che ha riunito al Bulgari Hotel Yacht Club i quattro brand storicamente impegnati nel settore delle lancette di proprietà del gruppo francese (Bulgari, Hublot, Zenith e Tag Heuer) e i loro ceo per presentare, a un numero selezionato di clienti e media, i primi prodotti dell’anno. Un format pensato per scostarsi dalla classica fiera cui il settore è abituato. Spiega Jean-Christophe Babin, ceo di Bulgari: «L’intenzione era rendere un salone orologiaio un momento tranquillo e di qualità in una città con una ricettività eccezionale. L’adesione tra i nostri invitati è stata altissima».

Il futuro dell’evento
Ilsuccesso del debutto potrebbe anche far sì che questo evento continui nel tempo e diventi più grande già dall’anno prossimo. Lo spiega Stephané Bianchi, ceo della divisione Watches & Jewelry di Lvmh e di Tag Heuer: «Si potrebbero aggiungere altri brand del gruppo che realizzano orologi, come Louis Vuitton, Tiffany, Fendi, Dior e Chaumet. Se vorranno unirsi ci sarà posto. Sarebbe una loro scelta volontaria. Vedremo».

La riserva su un’eventuale ripetizione della kermesse per l’anno prossimo verrà comunque sciolta una volta annunciate le date del 2021 di Watches & Wonders di Ginevra (ex Sihh) e di Baselworld di Basilea: è stato lo spostamento nel tardo aprile delle edizioni 2020 delle due fiere svizzere che ha di fatto portato alla nascita della Lvmh Watch Week. «Siamo fermamente convinti che i nostri clienti non possano aspettare i primi di maggio per allocare le loro risorse – puntualizza Babin –. Quest’anno andremo anche a Baselworld. Innanzitutto perché abbiamo ancora un anno di contratto e lo rispetteremo. Parteciperemo fino in fondo cercando di massimizzare l’impatto di un investimento così importante. Poi tireremo le somme e decideremo insieme».

Le novità di Bulgari
Con gli orologi lanciati a Dubai, Bulgari ha puntato al consolidamento del segmento femminile (per la maison pesa per il 70%) con prodotti di altissima gamma come il Serpenti Seduttori Tourbillon (il segnatempo da donna con tourbillon più piccolo sul mercato, o il Diva’s Dream Finissima con la sofisticata complicazione della ripetizione minuti e il quadrante in malachite. «Oltre un certo range di prezzo la clientela femminile vuole un orologio che sia bello e prezioso anche nel movimento», spiega Babin.

Sempre di Serpenti Seduttori è stata ampliata la gamma con prodotti che costano intorno ai 10mila euro.Per quanto riguarda i modelli da uomo sono stati introdotti dei nuovi Octo Finissimo, incluso un pezzo con cassa e bracciale in ceramica lucida per intercettare un pubblico unisex: «Un sicuro trend di mercato – spiega Babin –. Il 28 gennaio usciranno i dati di gruppo sull’intero esercizio 2020 e posso anticipare che la nostra crescita è stata un’alta doppia cifra, mentre in Italia si è attestata su una sola cifra, che per l’Europa è un ottimo risultato. Il 2020, intanto, è partito molto forte».

Da sinistra, Stephané Bianchi, ceo della divisione Watches & Jewelry di Lvmh, e Jean-Christophe Babin, ceo di Bulgari

E quelle delle altre maison: Hublot, Zenith e Tag Heuer
Di Hublot, Zenith e Tag Heuer, Bianchi dice: «Stanno andando tutti molto bene, ognuno in modo diverso in termini di sell out. Alcuni vanno meglio nel canale wholesale (come Zenith perché ha un solo negozio), altri, è il caso di Hublot, vanno bene anche nel retail, che rappresenta una quota molto importante del business. A seconda del brand, il nostro obiettivo è bilanciare i due canali di vendita visto che attualmente il peso è più distribuito sul wholesale. Sono brand forti, famosi, diversi fra loro ed equipaggiati per primeggiare nella battaglia del mercato dei mesi a venire. L’arrivo di Apple Watch ha di fatto ucciso la fascia di prodotti sotto i mille euro. Sopra questa cifra è dove si trovano molti brand ed è dove principalmente dobbiamo combattere».

A Dubai il lancio principale di Hublot è stato il Big Bang Unico Integral, modello con una cassa rivisitata e, per la prima volta in questa linea, un bracciale integrato. Zenith ha puntato al pubblico femminile con Defy Midnight, orologio in diverse versioni che monta una cassa di 36 mm in acciaio e un quadrante con diamanti decorato per ricordare una volta celeste stellata (a sinistra, nelle foto in alto).

Le novità dalla Lvmh Watch Week di Dubai

Le novità dalla Lvmh Watch Week di Dubai

Photogallery11 foto

Visualizza

Novità della collezione Carrera per Tag Heuer
Nessun lancio per Tag Heuer a Dubai, ma l’annuncio di un inedito Connected Watch che verrà presentato in un evento ai primi di marzo e di novità importanti sul fronte Carrera a Baselworld: «Sarà una versione completamente nuova, ma continuerà a rispecchiare la spirito della collezione, che per noi è la più grande di tutte all’interno della gamma Tag Heuer – anticipa Bianchi che chiude parlando dell’Italia –.Siamo soddisfatti, anche se non è un mercato al momento molto dinamico e ciò che in Italia è difficile per i produttori di orologi è sviluppare il retail e stiamo cercando di trovare dei modi per realizzare questa strategia in cui crediamo molto». Per quanto riguarda l’e-commerce, a breve sarà online un nuovo sito di Tag Heuer.

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti