ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùla rimodulazione delle risorse

Sui fondi Ue prove di solidarietà dalle regioni del Sud verso il Nord

È l’ipotesi di cui stanno discutendo le autorità europee con il governo italiano. Ma il ministro Provenzano frena: «Non serve rivedere la ripartizione territoriale. Vanno salvaguardati gli investimenti per far ripartire l’economia»

di Giuseppe Chiellino

default onloading pic

È l’ipotesi di cui stanno discutendo le autorità europee con il governo italiano. Ma il ministro Provenzano frena: «Non serve rivedere la ripartizione territoriale. Vanno salvaguardati gli investimenti per far ripartire l’economia»


3' di lettura

La riprogrammazione dei fondi strutturali destinati all’Italia e una ampia flessibilità nelle regole di spesa sarà, per ora, la principale forma di aiuto che da Bruxelles arriverà all’Italia ed eventualmente agli altri Stati membri per affrontare l’emergenza dell’epidemia di Coronavirus. Con un importante elemento di solidarietà dalle regioni del Mezzogiorno verso quelle del Nord.

La giornata di martedì, oltre che dai contatti tra la presidente della Commissione, Ursula von der Leyen e il premier Giuseppe Conte, è stata segnata da una serie di contatti tra Roma e Bruxelles per individuare tutto ciò che si può fare in questa fase con il Fondo europeo di sviluppo regionale e il Fondo sociale. Per ora non si parla del Feasr, il fondo per le aree rurali. «Ho parlato con il premier Conte – ha detto Ursula von der Leyen ai giornalisti – abbiamo discusso della situazione in Italia e di che tipo di sostegno aggiuntivo possiamo dare. Faremo una videoconferenza nei prossimi giorni per vedere che tipo di sostegno e che tipo di altre misure».

Loading...

È utile ricordare, comunque, che per la sanità la Ue ha pochissime risorse e ancor meno poteri e strumenti giuridici per agire. Tuttavia, come è accaduto in occasione di altre emergenze (gli attentati terroristici ma anche crisi sanitarie) è possibile che gli Stati membri concedano qualcosa in più a Bruxelles riconoscendo la maggiore efficacia di un’azione congiunta per affrontare un problema globale.

Secondo quanto appreso dal Sole 24 Ore, la Commissione sta preparando una lettera destinata al ministro per il Sud, Giuseppe Provenzano, che oltre ad allargare le maglie sugli aiuti di stato, dovrebbe dare indicazioni sulla possibilità di rimodulare la spesa dei fondi Ue. Diversi programmi operativi nazionali, infatti, prevedono già la possibilità di spendere le risorse europee per sostenere le imprese in difficoltà, con strumenti di garanzia per garantire liquidità e con il finanziamento degli ammortizzatori sociali, come era accaduto dopo la crisi del 2011. I Pon Inclusione (cofinanziato dal Fondo sociale) e il Pon Imprese e competitività sono sicuramente tra questi.

L’ipotesi di solidarietà tra regioni

Ma si sta ragionando anche sulla possibilità di utilizzare le risorse del Pon Ricerca e innovazione che tra gli ambiti di applicazione prevede anche la voce “salute”. Altre risorse potrebbero esser mobilitate dai programmi regionali, soprattutto per l’acquisto di attrezzature ospedaliere. Il nodo è che le risorse sono destinate in prevalenza alle regioni del Mezzogiorno, come è nella logica della politica di coesione, mentre in questo momento le necessità sono al Nord. Si sta ragionando, «ma bisognerà mettere d’accordo tanti soggetti», spiega una fonte coinvolta, sull’ipotesi di trasferire temporaneamente le risorse dove servono, immaginando meccanismi compensativi successivi che non privino nel medio termine le regioni del Sud di una fonte indispensabile per gli investimenti. Una cosa analoga era accaduta nella seconda metà degli anni ’90, quando le regioni del Mezzogiorno destinarono una quota dei fondi europei loro destinati alla ricostruzione delle zone terremotate di Umbria e Marche.

Ma quanti soldi si potranno realmente mobilitare, considerato che siamo alla fine della programmazione e il 72% dei fondi risulta già impegnato? A spanne una decina di miliardi, tra fondi Ue e cofinanziamento nazionale, al massimo. «Ma non è detto che non si possa fare di più, trasferendo sotto altri capitoli di spesa qualche impegno già preso». Bisognerà fare i conti programma per programma, per valutare la situazione.

Provenzano: «Non serve rivedere la ripartizione territoriale»

«È necessario mobilitare tutte le risorse disponibili, dunque stiamo valutando la possibilità di impiego anche dei fondi strutturali. Ma sono una piccola parte, rispetto ai fabbisogni. E vanno inseriti in un più generale confronto con Bruxelles» ha confermato nella tarda serata di martedì il ministro Provenzano. «Sull’Fse è possibile un utilizzo sugli ammortizzatori sociali, e ci stiamo lavorando. Sul resto, vanno preservate le spese per investimento, per la ripartenza, ma su queste è necessario avere maggiore flessibilità (su spese eligibili e regimi di aiuto)» È previsto un colloquio tra lo stesso Provenzano e la commissaria alle politiche regionali, Elisa Ferreira. «Non serve però rivedere la ripartizione territoriale» ha affermato ancora Provenzano «perché rispetto alle esigenze delle regioni al momento più colpite non fanno la differenza; del resto è necessario fronteggiare gli impatti su tutto il territorio nazionale, presentando gli investimenti che sono l'unica leva per ripartire, superata l’emergenza».

Riproduzione riservata ©
  • default onloading pic

    Giuseppe ChiellinoUfficio centrale

    Luogo: Milano

    Lingue parlate: Italiano, Inglese, Francese

    Argomenti: Politiche europee, politica di coesione, fondi strutturali Ue, integrazione carta-web

Per saperne di più

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti