L’analisi

Sul mercato la sfida si vince sposando utilità e divertimento

di Mario Cianflone


default onloading pic

2' di lettura

Mobilità nuova: parola magica e molto di moda che implica spostamenti smart, auto elettriche, car sharing e biciclette. Questo almeno nello storytelling della politica e delle società di analisi di mercato che in questi mesi sono molto prolifiche di studi su come ci muoveremo tra 5, 10 o 15 anni.In queste ricerche, si parla di automobili , di biciclette o di monoptattini. Moto e scooter non vengono mai citati. Su questa linea anche una recente analisi di Kantar che descrive un 2030 fatto di meno auto, più bici e più spostamenti a piedi.

E le moto? E gli scooter (quelli veri, non i monopattini come da traduzione dall’inglese)? Non ci sono. Motivo? ignoto, forse perché in alcuni paesi, Stati Uniti in testa, le due ruote a motore non sono abbastanza cool. Basta girare per Los Angeles e San Francisco per rendersi conto della schizzofrenia. Ci si muove su mega pick-up oppure su monopattini elettrici. In moto vanno in pochi. Eppure al di là delle mode, e i dati del mercato italiano lo confermano, le due ruote a motore (e poco importa se è a scoppio o elettrico) sono il mezzo ideale per la città.

Lo scooter è pratico, consuma poco, è a prova di traffico bloccato, passa nelle Ztl e può essere divertente, magari anche sportivo in alcuni modelli. E che le due ruote riescano ad abbinare mobilità smart e divertimento è confermato dalla crescita delle motociclette. In molti sono passati infatti dallo scooterone alla moto.

«Rispetto agli scooter - spiega Pierluigi Del Viscovo, direttore del Centro Studi Fleet&Mobility, le moto danno più piacere nella guida e nell’immagine, ma soprattutto più sicurezza, sia nella ciclistica e sia, ancor più rilevante, nella impossibilità di guidarle usando il cellulare, cosa abbastanza abituale con gli scooter». Insomma, le due ruote a motore hanno doti che meritano di essere premiate anche dalle amministrazioni locali che invece spesso le penalizzano, riducendo i parcheggi. Così anche gli scoooter in sharing affollano i marciapiedi di grande città come Milano.

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti
Loading...