lo STUDIO

McKinsey: sull’automotive è in arrivo una tempesta perfetta

Secondo gli analisti Usa l’industria sta attraversando una fase di irreversibile trasformazione tecnologica e dei modelli di business

di Pier Luigi Del Viscovo


default onloading pic

3' di lettura

Dopo il «deserto dei profitti» evocato da Alix Partners, un altro gigante della consulenza strategica, McKinsey, parla di «tempesta perfetta« che si prospetta per l’industria automobilistica, sempre a causa della montagna di investimenti che sta prosciugando i profitti. Il 6.3% di Ebit (pari a 120 miliardi di dollari) prodotto dai costruttori nel 2018 già quest’anno è un miraggio, come pure il 7.1% (55 miliardi) lo è per i loro fornitori, e i prossimi saranno peggio.

Dove sono diretti tutti questi investimenti? In parte verso lo sviluppo di un’auto nuova, in grado di dialogare con l’ambiente (connessa) e di muoversi da sola (autonoma). È la nuova frontiera della mobilità individuale. Il grosso dei soldi però va nello sviluppo di macchine a batteria: 275 miliardi di dollari investiti dai costruttori finora e si continua così. Per lanciare, secondo le previsioni di IHS Automotive, oltre 300 nuovi veicoli elettrici da qui al 2025, concentrati più sull’alto di gamma (dove sono i margini e i clienti sensibili alle mode) e meno sulle utilitarie, dove tuttavia ci sono i volumi e ci sarebbe anche lo scopo: abbassare le emissioni nelle città. Ma questi equilibri si spiegano alla luce della reale finalità di questa offerta: evitare/ridurre le multe diminuendo le emissioni di CO2 del mix delle vendite. Serve a poco spingere i clienti a scegliere un’auto piccola elettrica anziché con motore termico, che già emette poca anidride carbonica. No, perché ne valga la pena, l’operazione va fatta sui grandi suv. O almeno tentata. L’analisi stima che per evitare le multe pesantissime in arrivo i clienti europei nel 2021 dovrebbero acquistare 2,2 milioni di auto elettriche e ibride plug-in, appena 11 volte quanto hanno acquistato lo scorso anno. Non accadrà. È più probabile che all’ultimo la nuova Commissione sceglierà di non uccidere la sua gallina dalle uova d’oro.

Nel frattempo, gli investimenti bruciano cassa. Sul fronte dei costi di produzione, il coro è quasi unanime nel sostenere che ormai hanno già grattato il fondo e ulteriori efficienze non sono la soluzione. McKinsey assicura che l’introduzione dell’intelligenza artificiale potrebbe portare all’industria nel suo complesso oltre 200 miliardi di dollari, pari a 9 punti di EBIT, ma è tutto da verificare e in ogni caso si tratta del prossimo decennio.

Insomma, i costruttori si rendono conto che stanno mangiando un elefante e che potrebbero non riuscirci, non singolarmente. Allora cercano di unire le forze. Gli esperti di McKinsey hanno contato 254 partnership dal 2014 a oggi, di cui 2/3 orientate a sostenere il peso degli investimenti sui motori tradizionali e su quelli elettrici, con le aziende di tecnologia concentrate solo su questi ultimi, in ragione di un’alleanza su quattro. Le altre 95 partnership (1/3) sono invece dedicate alla connettività e alla mobilità, le aree dei futuri auspicati profitti, con una presenza di aziende di tecnologia pari a tre su quattro. I giganti della tecnologia hanno risorse e liquidità enormi in grado di scuotere l’industria dell’auto, eppure aprono il borsellino solo per sedersi dove ci saranno i profitti, lasciando ai costruttori la ricerca di efficienze nel business tradizionale.

Come pure l’analisi evidenzia, c’è il rischio che la catena del valore formata dai costruttori e dai loro fornitori tenda a dissolversi, lasciando sempre più spazio ai produttori di tecnologia e ai regolatori, locali o sovranazionali che siano. Tanto che appare lecito interrogarsi se questi sviluppi siano ancora un affare da metalmeccanici. I quali forse dovrebbero resistere alle sirene, nel senso di non trascurare i tradizionali punti di forza e di unicità: l’abilità di disegnare, progettare e costruire prodotti eccellenti, senza i quali ogni futura soluzione di mobilità resta inapplicabile. I clienti la vogliono connessa? Sì. Autonoma? Pure, fin dove si può. Ma che sia un’auto. Come si dice: «Where is the beef»?

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti
Loading...