Parlamento in seduta comune

Sull’elezione del nuovo Capo dello Stato l’incognita dei grandi elettori

Saranno 1008 o 1009 (dipende se sarà proclamato prima del 24 il seggio del dem Porta subentrante a Adriano Cairo)

Ecco come si elegge il Presidente della Repubblica

3' di lettura

Sulla partita per l’elezione del nuovo presidente della Repubblica, il cui fischio d’inizio sarà lunedì 24 gennaio, con la prima votazione da parte del parlamento in seduta comune, non aleggia solo la mancanza, allo stato attuale, di una candidatura condivisa da parte delle principali forze politiche. C’è anche un’incertezza connessa al numero dei cosiddetti “grandi elettori”, i senatori, i deputati e i delegati regionali che saranno chiamati a votare il prossimo Capo dello Stato. I grandi elettori saranno 1008 o 1009 (dipende se sarà proclamato prima del 24 il seggio del dem Porta subentrante a Adriano Cairo).

Ad oggi i Grandi elettori sono 1007

Al momento sono 1007 i Grandi Elettori che si riuniranno in seduta comune a Montecitorio. Ma è molto probabile che in vista del 24 gennaio diventeranno 1009: il 16 gennaio si vota alle suppletive a Roma per assegnare il seggio del sindaco di Roma Roberto Gualtieri e la giunta al Senato ha già votato per assegnare il seggio di Adriano Cairo, decaduto per brogli, al dem, eletto sempre in America, Fabio Porta. Manca solo la comunicazione della proclamazione nell’aula di Palazzo Madama. Ai deputati e senatori della XVIII legislatura si aggiungono per comporre il plenum dell’assemblea 58 delegati locali: in ogni Regione saranno scelti nelle prossime due settimane due esponenti per la maggioranza e uno per la minoranza, tranne in Valle d’Aosta dove ne sarà scelto soltanto uno.

Loading...

I delegati regionali

I delegati regionali non sono ancora stati eletti ma, stando a chi ha vinto le elezioni regionali, dovrebbero essere 33 al centrodestra e 25 al centrosinistra. L’elezione del prossimo presidente della Repubblica non si annuncia per niente semplice visto che nessuno dei due schieramenti ha la maggioranza assoluta per eleggere al quarto scrutinio il proprio candidato. E anche perché questo Parlamento è nato sull’onda della grande vittoria M5S che però negli anni si è sbriciolato: basti pensare che i parlamentari pentastellati a inizio legislatura erano 338 e ora sono rimasti, tra cambi di casacche e nuovi gruppi, 233. Un gran numero di eletti, tutti confluiti nel gruppone del gruppo Misto, quindi non risponde ad alcuna indicazione di partito ed è difficile darli per certi in un calcolo di maggioranze. Ecco i rapporti di forza, sulla carta, delle varie forze politiche:

Centrodestra

Il centrodestra può contare su 451 grandi elettori che fanno riferimento ai partiti dentro la coalizione: 197 sono della Lega, 127 di Fi, 58 di FdI, 31 di Coraggio Italia-Cambiamo-Idea, 5 di Noi con l’Italia, ai quali si aggiungono i 33 delegati regionali.

Centrosinistra con M5S

Può contare su 415 voti se si esclude IV, su 464 se si conteggia anche il partito di Renzi (44). Il Pd conta 133 grandi elettori, M5S ne ha 233, LeU 18, Centro democratico di Bruno Tabacci ha 6 deputati. A questo blocco si aggiungono i 25 delegati regionali, più Gianclaudio Bressa, iscritto al gruppo per le Autonomie ma eletto con il Pd. Se si aggiungono i parlamentari di Azione-+Europa (5) il numero sale, ma l’alleanza non è scontata.

Senatori a vita

Per questa elezione del presidente della Repubblica sono 6: Giorgio Napolitano, Mario Monti, Liliana Segre, Elena Cattaneo, Renzo Piano, Carlo Rubbia.

Gruppo Autonomie

Il gruppo delle Autonomie-minoranze linguistiche conta 4 deputati e 5 senatori, al cui gruppo a Palazzo Madama sono iscritti anche Gianclaudio Bressa (Pd), Pier Ferdinando Casini (Centristi per l’Europa) e i senatori a vita Cattaneo e Napolitano.

Gruppo misto

In questa legislatura il gruppo Misto di Camera e Senato è lievitato e mutato a seconda della nascita di nuove componenti: il gruppo più nutrito è la pattuglia ex M5S di Alternativa C’è che per le votazioni del Quirinale ha 19 grandi elettori, Maie (3 deputati, 2 senatori), FacciamoEco (3 deputati). Nel Misto ci sono tanti fuoriusciti M5s (24 alla Camera che risultano non iscritti a nessuna componente insieme all’ex LeU Michela Rostan, mentre a Palazzo Madama sono nel misto 15 ex M5S, i 3 ex 5s ora Italexit e 1 ex M5S ora Potere al Popolo).

Riproduzione riservata ©

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti