ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùmercati

Spread, non solo i litigi Lega-M5S. Anche il Bund sottozero lo fa salire

di Morya Longo


Nelle sale operative di Mts, dove si forma lo spread

2' di lettura

Se lo spread tra i BTp e i Bund sale, non è solo per “colpa” dell’Italia. È anche per “merito” della Germania. O meglio, di un clima generale di incertezza sui mercati globali al quale gli investitori hanno risposto con il più classico dei comportamenti: comprando Bund. Cioè beni rifugio. Lo dimostra il fatto che il rendimento dei titoli di Stato tedeschi decennali da qualche giorno è sceso sotto zero, chiudendo ieri a -0,09%. Questo significa che gli investitori globali, pur di stare al sicuro, sono disposti a pagare per avere Bund nei loro portafogli.

Il motivo di tale incertezza globale è legato soprattutto alla guerra commerciale tra Stati Uniti e Cina, che ha mandato a picco le Borse (dal 3 maggio quelle europee hanno perso il 3,54% e Wall Street il 3,39%) e ha fatto tornare appetibili i titoli di Stato tedeschi anche a tassi negativi. Questo ha contribuito a far salire lo spread coi BTp. Se si guarda l’andamento dei titoli di Stato, si può però capire quanto sia per “colpa” dei BTp o per “merito” dei Bund: da inizio mese i rendimenti dei Bund sono scesi di 11 punti base (passando da 0,02% a -0,09% di mercoledì sera) mentre i rendimenti dei BTp sono saliti di 19 (da 2,55% a 2,74%). Questo significa che l’innalzamento dello spread è dovuto principalmente all’Italia. Ma non solo: siamo anche “vittime” di un contesto internazionale sfavorevole.

Salvini rilancia sul 3%. Di Maio accusa, fai salire lo spread

Questo non deve essere però un alibi. Anzi è un’aggravante. Solitamente i titoli di Stato si muovono in direzione opposta rispetto alle Borse, perché sono considerati beni rifugio. Quelli di tanti Paesi europei in effetti si muovono così: dal 2 maggio, da quando cioè la turbolenza ha colpito le Borse globali, sono infatti scesi i rendimenti dei titoli di Stato decennali di tutti. Non solo quelli tedeschi, ma anche i francesi, belgi, austriaci e così via. Persino la Spagna oggi viene considerata un “bene rifugio”: dal 2 maggio il rendimento dei suoi titoli decennali è infatti calato da 0,99% a 0,95% di mercoledì sera.

Solo due Paesi dal 2 maggio si sono mossi in controtendenza: l’Italia e la Grecia. Nel limbo il Portogallo, che si è mantenuto stabile (da 1,11% a 1,13%). Tutto questo lancia un messaggio che la classe politica deve tenere bene a mente: l’Italia è vulnerabile sui mercati . Anche quando la turbolenza viene da fuori, il nostro debito pubblico soffre. Quello degli altri no. Se poi sommiamo anche il caos politico nostrano, il problema raddoppia.

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti
Loading...