sport & tech

Super Bowl, è record di scommesse. Anche l’intelligenza artificiale prevede chi vincerà

di P.Sol.


Usa Today

2' di lettura

Il Super Bowl numero 53 farà il pieno di scommesse. Si stima che un americano su dieci punterà non solo sul vincente tra i grandi favoriti New England Patriots e la sorpresa Los Angeles Rams, ma anche su una serie di eventi legati al risultato sportivo. Le scommesse, sia legali che illegali, attorno alla finale del football americano toccheranno un record mai visto superando i sei miliardi di dollari.

A trainare la somma saranno soprattutto le “proposion bet”, le scommesse laterali, quelle non direttamente legate al risultato finale. I fan possono infatti scommettere oggi su una serie di domande che va dal classico - Chi fa punti o realizza un touch down per primo? Si segnerà di più nella prima o nella seconda metà? Quante saranno le yard conquistate nel corso della gara dai due quarterback, il veterano Tom Brady dei Patriots e la rivelazione dei Rams Jared Goff - agli interrogativi più bizzari. È così possibile scommettere già oggi se la squadra vincente accetterà l’invito del presidente Trump alla Casa Bianca o quale sarà la prima persona che il quarterback vincitore ringrazierà nell’intervista post-gara o anche sul numero di tweet di Trump durante la gara, così come sul numero di errori che il presidente farà nel testo.

Per il momento le scommesse premiano la tradizione con un margine comunque risicatissimo di 2,5 punti, indice del fatto che una sorpresa è sempre dietro l’angolo e che la finale di domenica potrebbe aprire una nuova era per il football americano.

Intanto anche l’intelligenza artificiale è stata messa alla prova sul Super Bowl. A sfidarsi in questo campo sono Cortana, l’assistente virtuale di Microsoft, ed Elo, il modello utilizzato da FiveThirtyEight, il sito di data journalism di Nate Silver. I due sistemi hanno già seguito l’intera stagione della Nfl affinando la capacità predittiva con il machine learning di partita in partita. Cortana ha centrato il 65% dei risultati, mentre Elo si è fermato al 62%. Entrambi hanno avuto qualche problema nelle semifinali di conference, ma l’esito sembra positivo.

Anche per la finale i due sistemi si sfidano sulla vittoria secca, non sul punteggio o sulla differenza, dando una percentuale alla probabilità di vittoria.

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti