Stati Uniti

Super Bowl, vincono i Los Angeles Rams. Eminem in ginocchio durante l’inno

Lo show nello show è stato quello dell’intervallo, con le grandi stelle della musica. Allo spettacolo ha preso parte a sorpresa anche 50 Cent

(AFP)

2' di lettura

Cooper Kupp e Matthew Stafford hanno portato i Los Angeles Rams alla vittoria del Super Bowl, la finalissima del campionato Usa di Football Americano, uno degli eventi sportivi più attesi dell’anno.

I Los Angeles Rams piegano i Cincinnati Bengals

La vittoria per 23-20 di Los Angeles contro i Cincinnati Bengals è stato un capitolo finale straordinario di una storia di perseveranza, attraverso battute d’arresto per infortuni che avrebbero schiacciato la maggior parte delle squadre, compresi i Rams, se non fosse stato per la straordinaria partita di Kupp e Stafford.

Loading...

«Quei ragazzi hanno fatto un ottimo lavoro», ha detto l’allenatore Sean McVay. «Hanno preso il controllo del gioco», ha sottolineato.

I Rams hanno giocato il quarto quarto del loro Super Bowl casalingo con i debuttanti Ben Skowronek e Brycen Hopkins, dopo che anche Odell Beckham Jr. si è infortunato al ginocchio nel secondo quarto. Un sacrificio è stato chiesto a Darrell Henderson, che non giocava dal 26 dicembre a causa di un infortunio, e che è invece stato ampiamente utilizzato nel Super Bowl.

L’azione decisiva si è svolta sull’asse Stafford - Kupp, con quest’ultimo che ha messo a segno i punti decisivi. Soddisfatto il tecnico McVay, che ha commentato: «Metti la palla nelle mani dei tuoi migliori giocatori quando conta di più, ed è quello che abbiamo fatto con Matthew. E ha fatto grandi cose, ed è un campione del mondo».

Super show con le star dell’hip hop

Come da tradizione, lo show nello show è stato quello dell’intervallo, con le grandi stelle della musica. Allo spettacolo ha preso parte a sorpresa anche 50 Cent, mentre Eminem si è platealmente inginocchiato in quello che è considerato lo show più atteso d’America e che ormai ha assunto quasi più importanza della stessa partita.

Si sono esibiti tutti i re dell’hip hop con Dr. Dre, Snoop Dogg, Mary J. Blige, Eminem e Kendrick Lamar che hanno presentato al pubblico uno spettacolare medley dei loro più grandi successi.

Quando ha terminato di cantare “Lose Yourself”, Eminem si è inginocchiato e si è tenuto la testa tra le mani in un tributo all’ex quarterback dei San Francisco 49ers Colin Kaepernick, che si è inginocchiato durante l’inno nazionale per protestare contro la brutalità della polizia nel 2016 dando il via a questa tradizione tra gli sportivi, soprattutto negli Usa.

La Nfl ha negato le indiscrezioni secondo le quali avrebbe tentato di impedire a Eminem di compiere il gesto. «Abbiamo guardato tutti gli elementi dello spettacolo durante le prove di questa settimana ed eravamo consapevoli che Eminem l’avrebbe fatto», ha detto il portavoce della lega, Brian McCarthy.

Riproduzione riservata ©

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti