motori

Superbike 2019, la Ducati spaventa la Kawasaki

di Emanuele Cuomo


default onloading pic

2' di lettura

La nuova stagione del Campionato mondiale Motul Fim Superbike è iniziata nel migliore dei modi per la Ducati. Sul circuito australiano di Phillip Island, che nel 1990 ha ospitato per la prima volta la Superbike, il 34enne spagnolo Alvaro Bautista ha calato il tris in sella alla Ducati Panigale V4R.
Nella classe regina del mondiale WorldSbk, tra sabato 23 e domenica 24 febbraio Bautista si è imposto in gara 1, gara 2 e nella Sprint Race. Per offrire più battaglia in pista, dal 2019 è stata introdotta la Tissot Superpole Race che prevede dieci giri ricchi di spettacolo. Il risultato della Superpole Race determina le prime nove posizioni della griglia di partenza di gara 2. I risultati della Sprint Race non vengono inseriti nel palmarès. Tuttavia, i nove piloti che rientrano nella Superpole Race ricevono punti aggiuntivi per la classifica generale.

In Australia, alle spalle di Bautista si è piazzato il campione uscente Jonathan Rea del Kawasaki racing team. All'esordio stagionale il britannico in sella alla ZX-10RR ha raccolto soltanto tre piazzamenti d'onore, poco per un pilota capace di vincere con la Kawasaki le ultime quattro edizioni del Mondiale Superbike.
Per capire se quest'anno la Ducati possa spezzare il dominio della casa giapponese nella classe regina del mondiale WorldSbk, bisognerà attendere le gare del secondo round che si svolgeranno tra il 16 e il 17 marzo in Thailandia. Va sottolineato che la Ducati ha lavorato tantissimo allo sviluppo dell'elettronica della nuova Panigale V4. Dopo le performance offerte nel weekend del Yamaha finance australian round, la moto della casa bolognese (con una velocità di punta di 315 chilometri orari) si segnala come una delle protagoniste della stagione 2019.

Tra i costruttori del Campionato del mondo Superbike figurano anche Yamaha, Bmw e Honda. Dal 2013 la società che organizza e promuove il Campionato Mondiale Motul Fim Superbike è la Dorna WorldSbk organization. Quest'anno i protagonisti della Superbike si sfidano sulle piste di 11 paesi, nei cinque continenti, per un totale di 39 gare. Nella nostra penisola i piloti in sella a moto di derivazione dalla serie si sfideranno a Imola (10-12 maggio) e Misano (21-23 giugno). I broadcaster internazionali assicurano una copertura televisiva di livello mondiale ai 13 round della Superbike. Gli appassionati italiani possono seguire le emozioni della stagione 2019 su Sky Sport e TV8.

    Brand connect

    Loading...

    Newsletter

    Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

    Iscriviti
    Loading...