casa

Superbonus 110%, opportunità persa per l’antisismica

La legge di conversione del decreto Rilancio ha purtroppo confermato gli orientamenti (e gli errori) del testo legislativo iniziale

di Giuseppe Latour

default onloading pic
(IMAGOECONOMICA)

La legge di conversione del decreto Rilancio ha purtroppo confermato gli orientamenti (e gli errori) del testo legislativo iniziale


3' di lettura

Un’opportunità gigantesca che si sta trasformando in un passo indietro. È quanto spiega Ingegneria sismica italiana (Isi), associazione che da anni si occupa anche di analizzare gli impatti che le misure di agevolazione hanno sulla sicurezza del patrimonio edilizio italiano. E che sottolinea in una lunga nota, appena pubblicata, come il nuovo superbonus del 110% rischi di portare molte conseguenze negative sull’assetto creato dal vecchio sismabonus. A partire dall’archiviazione dello strumento della classificazione sismica.

Errori nel testo
La legge di conversione del decreto Rilancio - spiegano dall’associazione - «ha purtroppo confermato gli orientamenti (e gli errori) del testo legislativo iniziale, con alcune modifiche puntuali ma senza quelle correzioni auspicate e sollecitate dall’esterno e dalla stessa nostra associazione».

Stop alle premialità
I punti citati da Isi nella nota sono diversi. Anzitutto, l’articolo 119 comma 4, pur citando il Dm 58/2017, di fatto elimina ogni premialità legata alla classificazione e allinea al 110% di detrazione ogni intervento strutturale, anche quelli generici legati al bonus ristrutturazione e quindi fino ad oggi ricompresi nel 50%.

«Scomparendo la premialità - si legge nella nota - scompare quindi la base del calcolo dell’esposizione economica dello Stato dopo un evento sismico, ponendo sullo stesso piano qualsiasi intervento strutturale nella finestra temporale luglio 2020 – dicembre 2021; di fatto, in sintesi, rendendo antieconomico intervenire in maniera efficace e performante». Inoltre l’eliminazione della necessità di classificazione «costituisce un grave passo indietro nella sensibilizzazione e crescita della consapevolezza da parte della società nei confronti del rischio sismico».

Questo articolo - prosegue l’associazione - genererà confusione in quanto l’estensione al 110% delle opere strutturali del bonus ristrutturazione è per le solo zone sismiche 1 e 2 mentre il sismabonus è attuabile anche nella zona 3.

Tempi troppo stretti
La mancata proroga della scadenza del 31 dicembre 2021 costituisce un altro grande impedimento, in quanto non vi saranno le tempistiche per avviare nei condomini l’iter decisionale, progettuale, autorizzativo e per effettuare i lavori spendendo di fatto gli importi che si vuole portare in detrazione.

Altro punto critico: «Viene citato nuovamente, in maniera inspiegabile dopo la prima volta del 2017, quale documento di riferimento per conoscere la classificazione di un Comune l’OPCM 3274 del 2003, quando in realtà molte zone d’Italia (per esempio parte dell’Emilia-Romagna e parte della Lombardia) sono state classificate dopo il 2005. Citando esclusivamente questo riferimento si rischia confusione in sede di controllo da parte dell’agenzia delle Entrate».

La classificazione sismica
A fronte delle ingenti risorse economiche messe a disposizione dallo Stato, ancora non è stata data la possibilità di portare in detrazione la sola classificazione dell’immobile (senza successiva esecuzione degli interventi). «Si nota - prosegue la nota - che comunque in questo caso risulterebbe inutile in quanto viene a decadere la necessità della classificazione stessa».

La volontà di rilancio va potenzialmente a sbloccare un mercato importante e a toccare numerose norme e aspetti dell’edilizia. A fronte di tutto ciò, viene inserita una ulteriore asseverazione in capo al professionista che, nel caso del Sismabonus, si trovava già a doverne sottoscrivere due (una di congruità nel rispetto delle norme vigenti ai sensi del Dpr 380/2001 e una sulla classificazione ai sensi dell’allegato B del Dm 58/2017); ora se ne aggiunge una terza sulla congruità di spesa che si sceglie di portare in detrazione.

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti