ambiente

Superbonus, allarme dei 5S: a Napoli il catasto è inaccessibile

Con abusi superiori al 2% di tollerabilità previsto dal decreto Semplificazioni, si blocca l'applicazione delle agevolazioni

di Enrico Bronzo

default onloading pic
(ANSA)

Con abusi superiori al 2% di tollerabilità previsto dal decreto Semplificazioni, si blocca l'applicazione delle agevolazioni


2' di lettura

«L'accesso all'archivio del Comune di Napoli che custodisce le pratiche edilizie della città dal 1900 al 2010 è interdetto, e la misura che prevede la detrazione al 110% sulle spese sostenute per chi intenderà effettuare interventi di miglioramento dell'efficienza energetica degli edifici rischia di non potersi applicare».
È quanto evidenzia il deputato del M5S Alessandro Amitrano, segretario dell'Ufficio di presidenza della Camera, il quale fa sapere che «è la stessa Amministrazione comunale, in risposta ad una richiesta di accesso agli atti sollecitata da un professionista, ad ammettere l'impossibilità di consentire la consultazione e l'estrazione delle pratiche necessarie per avviare l'iter burocratico previsto dalla normativa sul superbonus edilizio».

In parlamento

Sulla vicenda Amitrano annuncia un'interrogazione parlamentare. «Per la visione dei fascicoli contenenti la pratica edilizia richiesta, trattandosi di atti archiviati in deposito - si legge nel documento del Comune di Napoli datato 21 settembre 2020 del quale riferisce Amitrano - si dovrebbe dare avvio alla ricerca manuale dei fascicoli depositati presso l'Archivio di Soccavo dove sono depositate le pratiche edilizie dal 1900 al 2010».

Loading...

Ma il servizio Archivio, con disposizioni dell'8 marzo 2012 e del 4 novembre 2013, «ha sancito l'interdizione ai locali Archivio di Soccavo a seguito di ispezione Asl».

Poi, il servizio Progettazione, Realizzazione, e Manutenzione del patrimonio comunale, con una nota del 25 marzo 2016, ha comunicato che «l'intero fabbricato di piazza Giovanni XXIII, adibito ad archivio» versa in uno stato tale da «non garantire le condizioni richieste dalla normativa vigente in materia di igiene e sicurezza sui luoghi di lavoro».

Pertanto, «non è temporaneamente possibile dare corso alla ricerca manuale», che sarà avviata «appena verrà reso possibile, dagli organi competenti, l'accesso al personale».

Il documento indispensabile per il superbonus

Sottolinea Amitrano: «Fuori dal burocratese, la conclusione è amara e beffarda: a meno di forzature che ricadrebbero interamente sulla responsabilità del tecnico chiamato dai privati a certificare la conformità edilizia ed urbanistica, elemento fondamentale per il superbonus, a Napoli le licenze edilizie non sono consultabili perchè conservate in locali inagibili. La conseguenza è presto detta: a chiunque lo richieda, il documento che attesta lo stato originale di un edificio (numero di piani, numero di appartamenti, e così via) non può essere prodotto. Senza la licenza edilizia, però, per il tecnico incaricato non è possibile verificare con il dovuto scrupolo l'esistenza di difformità o abusi edilizi del fabbricato la cui presenza, se superiore al margine massimo del 2% di tollerabilità previsto dal decreto Semplificazioni, blocca l'applicazione delle agevolazioni del superbonus. E a poco varrebbe appellarsi ai dati del catasto che, in quanto di parte, non costituiscono dichiarazione incontestabile».


Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti