ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùIl quesito del Lunedì

Superbonus e condominio: gli eventuali abusi privati non bloccano il cantiere

La presenza di non conformità urbanistiche che dovessero essere riscontrate nei singoli appartamenti non precludono l'accesso al 110%

di Marco Zandonà

2' di lettura

Domanda. Su un condominio si sta procedendo con lavorazioni che danno diritto al superbonus. Alcuni condòmini sanno con certezza che altri hanno commesso abusi nelle parti private e temono che il Comune possa bloccare il cantiere, per cui i lavori sarebbero sospesi e, soprattutto, le “tempistiche”del superbonus verrebbero sforate, con sostanziali spese a carico del condominio. Può il Comune bloccare effettivamente un cantiere come quello descritto per abusi relativi a parti private del condominio? E degli abusi eventualmente scoperti dovranno rispondere solo coloro che li hanno compiuti o sarà coinvolto tutto il condominio?
A.C. - Napoli

Risposta. La risposta al primo quesito è negativa. Il tecnico asserveratore è tenuto a individuare la regolarità urbanistica degli immobili plurifamiliari con esclusivo riguardo alle parti comuni, non dovendo individuare eventuali abusi commessi dai singoli condòmini sulle proprie unità immobiliari. La presenza di eventuali non conformità urbanistiche che dovessero essere riscontrate nelle singole unità abitative non preclude l'accesso al “superbonus 110%” per interventi effettuati sul condominio, non solo per gli interventi “trainanti”, ma anche per gli interventi “trainati” interni alla singola unità abitativa nella quale è presente l'abuso (articolo 119, comma 13–ter, del Dl 34/2020, convertito in legge 77/2020; si veda anchela risposta a interpello 909 del 2020, fornita dalla direzione regionale delle Entrate dell'EmiliaRomagna). In sostanza, la presenza di eventuali non conformità urbanistiche che dovessero essere riscontrate nei singoli appartamenti non precludono l'accesso al superbonus 110% e non possono comportare il blocco dei lavori da parte del Comune. Ad ogni modo, l'eventuale decadenza successiva dai bonus, in caso di verifica, è limitata ai proprietari delle parti abusive, e non potrà riguardare tutti glialtri condòmini.

Loading...

Il quesito è tratto dall'inserto L’Esperto risponde in edicola con Il Sole 24 Ore di lunedì 4 luglio.

Consulta L'Esperto risponde per avere accesso a un archivio con oltre 200mila quesiti, con relativi pareri. Non trovi la risposta al tuo caso? Invia una nuova domanda agli esperti

Riproduzione riservata ©

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti