ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùCasa

Superbonus, nessuno stop per la video asseverazione

Il nuovo adempimento va avanti ma Deloitte chiarisce che non è essenziale in vista della prossima scadenza del 30 settembre

di Giuseppe Latour

Vetrate sui balconi, non serve piu' il permesso

3' di lettura

Le asseverazioni video vanno avanti. Nessun cambio di rotta, quindi, dopo le proteste dei giorni scorsi, con le quali diversi ordini professionali si erano scagliati contro la novità introdotta da Deloitte nelle procedure di cessione dei crediti.

Arrivano, però, alcuni chiarimenti che renderanno più semplice l’adempimento: non sarà, cioè, necessario inviare la registrazione entro la fine del mese, in vista della scadenza del 30 settembre, entro la quale andrà attestato il raggiungimento del 30% dei lavori per case unifamiliari e immobili indipendenti con accesso autonomo.

Loading...

Cos’è l’asseverazione video

La novità è arrivata dalla piattaforma di Deloitte per la cessione dei crediti. Qui nei giorni scorsi tra i documenti da caricare è stata inserita una nuova asseverazione video, contestuale a tutte le asseverazioni rilasciate. «Il tecnico che rilascia le asseverazioni dovrà effettuare un breve video descrittivo dell'intervento», spiega la documentazione della piattaforma.

Il video deve essere registrato presso l’immobile oggetto dell’intervento, che deve essere riconoscibile: «Ad esempio - si legge - inquadrando il cartellone di cantiere e il civico e l’immobile nel contesto dell’area circostante». All’interno del video, che non dovrà durare più di cinque minuti, il tecnico dovrà confermare gli importi e gli interventi asseverati, inquadrando le lavorazioni eseguite.

Le proteste

Quella richiesta aveva scatenato reazioni durissime dei professionisti. A partire dalla Rete delle professioni tecniche, che aveva inviato una diffida alla società a ritirare l’adempimento. Sulla stessa linea il Consiglio nazionale degli architetti e Inarsind, l’associazione sindacale di architetti e ingegneri liberi professionisti.

L’adempimento non si ferma

Passata la tempesta, però, l’adempimento va avanti. Deloitte continua, infatti, a chiedere le asseverazioni video. Per chiarire i dubbi di alcuni operatori, nei giorni scorsi ha pubblicato delle Faq, che partono proprio dall’adempimento più prossimo: la scadenza del 30 settembre, entro la quale unifamiliari e immobili indipendenti dovranno attestare di avere raggiunto almeno il 30% degli interventi realizzati.

La scadenza del 30 settembre

Viene, così, spiegato che la video asseverazione non ha impatto sulla scadenza del 30 settembre. Il tecnico – anche successivamente al 30 settembre – «potrà girare con il proprio telefonino 60 secondi di video dal proprio ufficio o da dove vuole, quando è comodo», spiegano da Deloitte. In questo caso, «dovrà semplicemente presentarsi e sintetizzare l’intervento che ha già asseverato».

Per dare atto degli interventi, poi, «una persona in loco, come ad esempio il committente stesso, – anche successivamente al 30 settembre - potrà girare un breve video inquadrando i lavori». Quindi la richiesta del video «non ha nulla a che vedere con la scadenza del 30 settembre, trattandosi di un supporto che ciascun committente può richiedere (anche dopo il 30 settembre) al proprio attestatore ai fini di una rapida monetizzazione degli incentivi».

Cosa succede se manca il video

Le Faq analizzano anche il caso in cui manchi la video asseverazione. In quell’ipotesi - spiegano le risposte «momentaneamente la pratica si blocca; per quanto ci riguarda l’impresa (o il soggetto che vuole cedere il credito) potrà indicare nei commenti relativi alle caselle della sezione documentale quanto segue: “Ho chiesto al mio tecnico di riassumere la sua attestazione in un video di 2 minuti ma mi ha opposto un rifiuto”».

A quel punto, Deloitte «farà una valutazione sulla base del caso specifico, e saranno identificate insieme soluzioni alternative per approvare la pratica, tra le quali, ad esempio, fornire un video girato da soggetti terzi qualificati indicati da Deloitte». I tempi della cessione, comunque, saranno più lunghi.

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti