il quesito del lunedì

Superbonus, ok al 110% anche se l’intervento viene eseguito in più fasi

La valutazione sui requisiti energetici richiesti ai fini dell’agevolazione e tutti gli adempimenti devono però riferirsi all’opera nel suo complesso

di Marco Zandonà

Il dl Agosto cambia, dal superbonus al congedo per figli

La valutazione sui requisiti energetici richiesti ai fini dell’agevolazione e tutti gli adempimenti devono però riferirsi all’opera nel suo complesso


2' di lettura

Il quesito. A seguito dello studio di fattibilità, ho accertato che il condominio in cui vivo riuscirà a fare il salto di due classi energetiche con interventi di sostituzione caldaia e cappotto su una delle facciate e sul lastrico solare, più altri interventi trainati, agevolati dal superbonus del 110 per cento. Dovendo, a causa di infiltrazioni, agire con urgenza sul lastrico solare, è possibile – dopo la redazione dell’Ape (attestato di prestazione energetica) “ante” – iniziare e terminare i lavori solo in quell’area (rispettando tutti i requisiti di efficienza) e successivamente, nell’ambito delle opere sulle parti restanti, richiamare quell’intervento per il raggiungimento del 25% della superficie e detrarre le spese?
F.B. - ROMA

La risposta. L’intervento cui si applica il 110% può anche essere compiuto in più fasi, ma la valutazione e tutti gli adempimenti connessi devono essere eseguiti con riferimento all’intervento complessivo.
Pertanto, in presenza di cappotto termico è sempre possibile iniziare ed eseguire prima i lavori sulla superficie opaca orizzontale (lastrico solare), dedicandosi in un secondo tempo alle restanti parti della superficie disperdente lorda, in modo da raggiungere complessivamente quantomeno il 25 per cento, oltre alla sostituzione della caldaia.

Loading...

Il recupero del beneficio in capo ai singoli condòmini avviene anche parzialmente sulla base di due Sal (stati avanzamento lavori), ciascuno non inferiore al 30 per cento, e del saldo finale.

Ma le asseverazioni del tecnico abilitato sono riferite anche per singolo Sal all’intervento nel suo complesso, relativamente sia alle attestazioni sulle due classi energetiche (che si conseguiranno, secondo il progetto, al termine dei lavori), sia alla congruità dei costi, anche in base dei massimali stabiliti nel Dm 6 agosto 2020, decreto Requisiti (si vedano in materia anche gli articoli 119 e 121 del Dl 34/2020, convertito in legge 17 luglio 2020, n. 77, e il Dm Asseverazione del 3 agosto 2020).


Il quesito è tratto dall’inserto L’Esperto risponde, in edicola con Il Sole 24 Ore di lunedì 19 ottobre . Un numero speciale interamente dedicato al superbonus del 110%.

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti