Made in Japan

Suzuki, una gamma a tutto ibrido (leggero)

L'offerta della casa di Hamamatsu è incentra sui powertrain a basse emissioni

di Giulia Paganoni

default onloading pic

L'offerta della casa di Hamamatsu è incentra sui powertrain a basse emissioni


3' di lettura

Una gamma elettrificata per rispettare le norme europee sulle emissioni. Suzuki è tra i marchi più virtuoso rispetto ai limiti delle emissioni stabilite nel Vecchio Continente, posti a una media pari a 95 g/km di CO2 sul 95% della gamma prendono in esami di dodici mesi del 2020. Il costruttore giapponese è pioniere del mild hybrid e ormai tutti i modelli della gamma Suzuki dispongono di una versione elettrificata andando a coprire quasi tutti i segmenti, a parte due veicoli: Celerio e Jimny, il fuoristrada compatto a trazione integrale (e con marce ridotte) che è stato rinnovato lo scorso anno con l’arrivo della quarta generazione. La semplicità e l’essenza smart di questo modello lo ha reso così interessante per il mercato nostrano che già dopo le prime settimane dell’anno era sold out per il tutti i dodici mesi del 2020 (erano disponibili solo 2mila unità per non sfoare nei limiti Ue per le emissioni). Dai veicoli dei segmenti più alti, i suv Vitara e S-Cross, passando per la media Swift (anche nella versione sport) fino al piccolo suv per la città, Ignis: i modelli più recenti della gamma dispongono di una versione dotata di un boost elettrico. L’ultima ibrida presentata in ordine di tempo è Ignis hybrid, il suv ultracompatto lanciato nel 2016 e che ha fatto parlare di sé per il suo stile particolare e la sua agilità d’uso in città.

L’aggiornamento attuale della versione hybrid presenta qualche ritocco nel look con la nuova griglia anteriore a cinque feritoie che ricorda lo stile degli altri modelli della gamma, i paraurti rinnovati e tre nuovi colori della carrozzeria presenti a listino: avorio Nairobi, giallo Nepal e verde Dublino. La vera novità, però, sta sotto al cofano motore, dove viene alloggiato un powertrain siglato K12D; si tratta di un quattro cilindri benzina 1.200 cc da 83 cv e con una coppia massima di 107 Nm a 2.800 giri. Un’erogazione resa costante e lineare grazie al supporto fornito dal sistema ibrido che sfrutta l’integrated starter generator (Isg). Quest’ultimo ha una triplice funzione: lavora da alternatore, motorino di avviamento e motore elettrico. Ad alimentarlo ci pensa un pacco batterie agli ioni di litio compatto (non togliere spazio alla capacità del bagagliaio) e leggero (pesa solo 2,6 kg) con una capacità che passa da 3 a 10 Ah. La scelta di questo propulsore, che permette l’omologazione ibrido con le relative agevolazioni, porta anche alla riduzione dei consumi e delle emissioni: la versione a trazione anteriore e cambio manuale (stando ai dati forniti dal costruttore secondo i protocolli Nedc) registra 3,9 l/100 km ed emissioni di 89 g/km di CO2. Suzuki Ignis Hybrid ha anche il primato di essere l’unica vettura ibrida del segmento A disponibile anche con il cambio automatica a variazione continua (Cvt). La trazione è sia anteriore che integrale, quest’ultima entra in azione quando viene percepito che le ruote anteriori perdono aderenza portando, di conseguenza, la motricità all’asse posteriore. Come un vero veicolo da fuoristrada, sono presenti alcune funzioni che ne migliorano la trazione e l’aderenza al terreno: il sistema di mantenimento della velocità in discesa (Hill descent control) e la gestione intelligente della trazione (grip control). Questi ultimi sono due dispositivi che rendono più semplice e sicura la guida sulle forti pendenze e sui fondi a bassa aderenza. Un’auto, quindi, adatta alla città senza dimenticare il suo Dna da fuoristrada, dato il ricco equipaggiamento di sistemi di controllo della trazione. Inoltre, il tocco smart è dato anche dal tasso hi-tech presente all’interno dell’abitacolo: sono due i livelli di equipaggiamento e già di serie è presente il sistema di infotainment con schermo da 7 pollici dotato ovviamente dei protocolli Android Auto e Apple Car Play. Inoltre, per aumentare il feeling con la guida in città, Ignis è dotata di retrocamera. Infine, nella versione top di gamma, si aggiungono anche apertura e avviamento senza chiave, climatizzatore automatico, navigatore satellitare, volante in pelle e cruise control limitatore della velocità.

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti