la cerimonia il 24 febbraio

Svelate le nomination agli Oscar, tra i favoriti «Roma», «La favorita» e «Green Book»

di Andrea Chimento


default onloading pic
Una scena del film “La favorita”

2' di lettura

Svelate le nomination ai prossimi premi Oscar: in attesa di scoprire i vincitori durante la cerimonia in programma al Dolby Theatre di Los Angeles il prossimo 24 febbraio, sono state annunciate le candidature ai premi più ambiti del mondo del cinema.

Svelate le nomination ai prossimi premi Oscar

Svelate le nomination ai prossimi premi Oscar

Photogallery8 foto

Visualizza

Nella categoria più importante – quella per il miglior film – partono in prima fila «Roma» di Alfonso Cuarón e «La favorita» di Yorgos Lanthimos, le due pellicole che hanno fatto il record di nomination di questa edizione con ben 10 candidature. Attenzione però a «Green Book» di Peter Farrelly, che (nonostante abbia “soltanto” 5 nomination) ha già conquistato il premio del pubblico al Festival di Toronto, il Golden Globe come miglior film nella categoria delle commedie e dei musical e il titolo di miglior pellicola ai Producers Guild Awards. Con tutti questi trionfi alle spalle, potrebbe avere la meglio anche agli Oscar.
Gli altri titoli in lizza nella categoria principale sono «Bohemian Rhapsody» di Bryan Singer, «A Star Is Born» di Bradley Cooper, «BlacKkKlansman» di Spike Lee, «Black Panther» di Ryan Coogler e «Vice» di Adam McKay.

Come miglior regista non sembra avere rivali Alfonso Cuarón per «Roma», nonostante gli altri quattro candidati (Spike Lee, Yorgos Lanthimos, Adam McKay e Pawel Pawlikowski per «Cold War») siano nomi comunque molto quotati.

Come miglior attore protagonista, una bella sfida tra Rami Malek («Bohemian Rhapsody»), Christian Bale («Vice») e Bradley Cooper («A Star Is Born»), mentre più indietro nei pronostici ci sono gli altri due contendenti Willem Dafore («Van Gogh – Sulla soglia dell'eternità») e Viggo Mortensen («Green Book»).

Anche nel gruppo delle miglior attrici protagoniste c'è un terzetto che punta all'Oscar: Glenn Close («The Wife»), Olivia Colman («La favorita») e Lady Gaga («A Star Is Born»). Molto difficile che il riconoscimento vada invece a Melissa McCarthy («Can You Ever Forgive Me?») o Yalitza Aparicio («Roma»).

Nelle categorie dei non protagonisti, non sembrano esserci problemi per Mahershala Ali («Green Book»), già premiato ai Golden Globe e quasi sicuro di portarsi a casa la statuetta, mentre più incerta è la battaglia per la miglior attrice non protagonista: potrebbe spuntarla Regina King («Se la strada potesse parlare»), ma anche Amy Adams («Vice») e le altre due attrici de «La favorita», Emma Stone e Rachel Weisz, hanno delle buone chance.

Probabilmente sarà «Spider-Man: Un nuovo universo» il vincitore nella categoria del miglior film d’animazione, benché la concorrenza sia agguerrita con titoli come «Ralph Spacca Internet», «Mirai», «L'isola dei cani» e «Gli incredibili 2». Praticamente scontata la vittoria di «Roma» come miglior film straniero, ma vanno citati gli altri nominati: il polacco «Cold War», il giapponese «Un affare di famiglia», il libanese «Cafarnao» e il tedesco «Opera senza autore».

Infine, da segnalare che è quasi sicura la vittoria della bellissima «Shallow» di «A Star Is Born» come miglior canzone originale, per la gioia dei tanti fan di Bradley Cooper e, soprattutto, di quelli di Lady Gaga.

loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti